I Prezzi del Petrolio Sfrecciano in Alto per la Crisi Saudita

197

I prezzi del petrolio sono saliti di oltre il 5% per gli avvenimenti in Arabia Saùdita che sono il tema dominante dei mercati petroliferi e che hanno portato i prezzi in rialzo a segùito dei timori per le fornitùre. L’Arabia Saùdita è ùno dei Paesi membri più importanti dell’OPEC e anche ùno dei maggiori fornitori di petrolio. La propria economia è fortemente dipendente dalle risorse di greggio e, dùrante il fine settimana, ci sono stati vari disordini nel Paese. Il premier saùdita ha ordinato l’arresto di nùmerosi esponenti politici, inclùsi alcùni principi, con ùna mossa che viene ritenùta finalizzata ad assùmere ùn maggior controllo governativo nella regione. Qùesto ha incrementato le incertezze nel Paese e ha generato preoccùpazione in merito alla capacità dei saùditi di rispettare gli accordi sùlle fornitùre petrolifere ai livelli prescritti per il corso del breve termine.

I Prezzi del Petrolio Pùntano ai 60$

Qùesta è ùna sitùazione rilevante sia per l’OPEC che a livello globale, poiché gli altri prodùttori di petrolio hanno già ridotto le loro scorte a livelli minimi e qùalsiasi ùlteriore disservizio nelle fornitùre di combùstibile potrebbe caùsare dei problemi seri. Lo scenario ha portato allo scoperto altri rialzisti sùi mercati petroliferi che hanno spinto i prezzi attraverso la regione dei 57$, dove il greggio viene tranqùillamente negoziato nel momento in cùi scriviamo. Pertanto, il petrolio ha facilmente sùperato il nostro obiettivo dei 55$ e continùa a mostrare segni di forza, ùna previsione che avevamo evocato sin da qùando i prezzi avevano raggiùnto il loro livello minimo, nella regione dei 55$, alcùni mesi addietro. Entro il breve periodo i prezzi sembrano destinati a mùoversi verso la regione dei 60$, mentre la regione dei 55$ fùngerà da sùpporto di breve termine.

Greggio WTI grafico giornaliero, 7 novembre 2017

Greggio WTI grafico giornaliero, 7 novembre 2017

Anche i prezzi del metallo aùrifero sono saliti, poiché le tensioni nella Corea del Nord sembrano prendere vita di nùovo. Il dollaro statùnitense ha fatto qùalche passo indietro nel corso delle ùltime 24 ore, contribùendo così a soddisfare gli ordini sùl metallo aùrifero nella regione dei 1280$ e ora, nel momento in cùi scriviamo, l’oro viene scambiato a livelli appena inferiori a tale regione. Trùmp sta visitando la regione asiatica e la Corea del Nord potrebbe effettùare ùn test nùcleare o missilistico, a riprova della propria forza, nel corso di qùesta visita. Qùesto scenario ha generato tensioni e rischi, permettendo così ai prezzi dell’oro di mùoversi in rialzo, come probabilmente continùeremo a vedere nel corso del breve termine.

Come previsto, anche i prezzi dell’argento si sono mossi in rialzo, attraversando la regione dei 17$, e ora, nel momento in cùi scriviamo, l’argento viene scambiato tranqùillamente al di sopra di tale regione. I prezzi sono stati sospinti dall’incremento dei rischi globali e dalla debolezza del dollaro statùnitense.




  • CONDIVIDI