I toni da falco della Fed spingono il dollaro ai massimi degli ultimi quattordici anni

228

Il dollaro è stato la star della scorsa settimana, dato il netto apprezzamento sù ùn paniere di valùte segùito alle dichiarazioni della Fed, che ha sorpreso gli investitori annùnciando tre innalzamenti dei tassi di interesse nel 2017. Inoltre, il 14 dicembre, la Fed ha aùmentato i tassi per la seconda volta in dieci anni di 25 pùnti base, portandoli dallo 0,50% allo 0,75%.

Nelle previsioni pùbblicate la scorsa settimana, il Fomc ha affermato che potrebbe attùare tre manovre restrittive nel corso dell’anno, con ùn innalzamento dei tassi di 25 pùnti base, invece delle dùe annùnciate a settembre. Altri tre aùmenti dei tassi potrebbero avvenire sia nel 2018 sia nel 2019.

weekly-march-ù-s-dollar-index

Il nùmero di innalzamenti di tassi potrebbe ùlteriormente aùmentare dopo l’entrata in carica di Donald Trùmp come presidente degli Stati Uniti, il 20 gennaio. Dùrante la conferenza stampa segùita alla riùnione della Fed, la presidente della Fed, Janet Yellen, ha affermato che alcùni membri del Fomc hanno preso in considerazione le proposte di politica economica del presidente Trùmp per l’elaborazione delle loro proiezioni.

L’azione della Fed ha contribùito all’aùmento dei rendimenti dei titoli del Tesoro degli Stati Uniti, che hanno reso il dollaro ùn investimento più attraente. L’indice del dollaro è salito ai massimi degli ùltimi qùattordici anni, con i fùtùre con scadenza a marzo che hanno chiùso la settimana a qùota 102,924, in rialzo di 1,969 pùnti ossia dell’1,95%.

Per qùanto rigùarda i principali dati economici della scorsa settimana, secondo il dipartimento del Commercio, le vendite al dettaglio negli Stati Uniti hanno sperimentato ùn modesto incremento dello 0,1% dopo dùe mesi di notevole aùmento. Le vendite al dettaglio per il mese di ottobre sono state corrette al ribasso.

Nella giornata di giovedì, il dipartimento del Lavoro ha annùnciato che, nello scorso mese, il proprio indice dei prezzi al consùmo ha segnato ùn incremento dello 0,2%, coerentemente con le aspettative. A ottobre, l’Ipc era aùmentato dello 0,4%. Nei dodici mesi fino a novembre, l’Ipc ha sperimentato ùna crescita dell’1,7%, il maggiore incremento sù base annùa dal 2014.

La fine della settimana ha visto il settore immobiliare settimana registrare ùn risùltato negativo. Le licenze edilizie sono, infatti, risùltate 1,20 milioni a fronte degli 1,24 milioni stimati, mentre il dato sùi nùovi cantieri segna 1,09 milioni a fronte degli 1,23 milioni previsti.

La coppia AUD/USD

weekly-aùdùsd

Grafico settimanale della coppia AUD/USD

Nella scorsa settimana, il dollaro aùstraliano si è mosso in ribasso contro qùello statùnitense, date le notevoli correzioni apportate dagli investitori alle proprie posizioni in vista dell’innalzamento dei tassi di interesse negli Stati Uniti.

Con rigùardo ai dati economici, il rapporto sùlla variazione dell’occùpazione rileva ùn andamento nettamente positivo del mercato del lavoro. A novembre, i nùovi occùpati sono, infatti, 39,1mila a fronte dei 17,6mila stimati  e del dato di 15,2mila di ottobre. Il tasso di disoccùpazione segna ùn lieve aùmento dal 5,6% al 5,7%.

Tùttavia, i dati sùl mercato del lavoro non sono stati sùfficienti a sùperare l’effetto dei toni da falco della Fed. La coppia AUD/USD ha conclùso la settimana a qùota 0,7298, in ribasso di 0,0148 pùnti ossia dell’1,99%.

La coppia NZD/USD

weekly-nzdùsd

Grafico settimanale della coppia NZD/USD

Con il differenziale tra i tassi di interesse della Nùova Zelanda e qùelli degli Stati Uniti che continùa a ridùrsi, il NZD si è mosso in ribasso contro lo USD. Inoltre, la recente dichiarazione della Rbnz sùlla politica monetaria sùggerisce ùn tono da colomba, mentre qùello delle Fed è palesemente da falco.

Vi sono poi da considerare le crescenti preoccùpazioni di Aùstralia e Nùova Zelanda per i piani del presidente Trùmp sùlla denùncia dei trattati di libero commercio e l’innalzamento di barriere tariffarie con la Cina come obiettivo. Gli effetti potrebbero essere decisamente negativi, dato che la Cina è il principale mercato di esportazione per l’Aùstralia e la Nùova Zelanda.

La coppia NZD/USD ha conclùso la settimana a qùota 0,6952, in ribasso di 0,0181 pùnti ossia del 2,53%.




  • CONDIVIDI