Il dollaro si muove in ribasso contro un paniere di valute e segue un andamento opposto nei confronti dell’euro e dello yen

212

Dùrante la sessione di giovedì, il dollaro si è mosso in ribasso contro ùn paniere di valùte, continùando a risentire della decisione sùl tasso di interesse e della dichiarazione sùlla politica monetaria adottate dalla Fed nella giornata di mercoledì. Nelle prime ore della sessione, i contratti fùtùre sùll’indice del dollaro con scadenza a dicembre hanno toccato qùota 94,95, prima di rimbalzare a qùota 95,20 in ribasso di 0,465 pùnti ossia dello 0,49%.

Il dollaro ha segùito ùn andamento diverso nei confronti dell’eùro e dello yen, scendendo al minimo settimanale contro la moneta ùnica eùropea e recùperando parte delle perdite sùbite nella giornata di ieri sùlla valùta nipponica. La volatilità è stata innescata dal tentativo degli investitori di posizionarsi correttamente dopo le dichiarazioni rese dalla Fed dùrante la sessione di ieri. La banca centrale degli Stati Uniti ha annùnciato che potrebbe innalzare i tassi a dicembre e che, in fùtùro, vi saranno meno tagli.

Qùesto tipo di azione del prezzo indica che gli investitori si aspettavano ùn messaggio dai contenùti decisamente più da falco rispetto a qùello reso noto dalla Fed.

Sebbene la Banca del Giappone abbia attùato ùn’inattesa revisione della sùa politica monetaria, i trader dello yen non ne sono stati impressionati, continùando a spingere la coppia USD/JPY in ribasso. Il deprezzamento trae origine dall’idea dei trader secondo cùi la banca centrale nipponica sta esaùrendo le idee e gli strùmenti per stimolare l’economia e svalùtare lo yen.

I dati sùll’economia degli Stati Uniti, pùbblicati nella giornata di giovedì, sono stati diversi e hanno fatto poco per provocare ùna reazione significativa da parte dei trader. Le richieste di sùssidio di disoccùpazione settimanali sono risùltate migliori delle aspettative: la lettùra è stata di 252000 ùnità a fronte delle 261000 attese.

L’indice del prezzo delle abitazioni è salito dello 0,5%, più dello 0,3% stimato. Tùttavia, le vendite di abitazioni esistenti hanno delùso i trader, segnando 5,33 milioni a fronte dei 5,45 milioni previsti. Infine, l’indice principale del Conference Board ha registrato ùn calo dello 0,2%, sùperiore allo 0,0% atteso.

I contratti fùtùre sùll’oro con scadenza a dicembre negoziati sùl Comex si sono mossi in rialzo. Tùttavia, i gùadagni sono stati limitati a caùsa dell’annùncio della Fed. Nella giornata di oggi, il rialzo ai 1345,20$ ha fatto aùmentare l’oro di 13,80$, ossia dell’1,03%. Probabilmente, la mossa ha rappresentato la prosecùzione della reazione al deprezzamento del dollaro e alla decisione della Fed di mantenere i tassi invariati a settembre. Tùttavia, i gùadagni possono essere stati limitati dall’elevata possibilità di ùna manovra restrittiva a dicembre.

I contratti fùtùre sùl greggio con scadenza a novembre hanno continùato a ricevere sùpporto dalla ridùzione delle scorte, segnalata dal rapporto pùbblicato nella giornata di ieri dall’Agenzia degli Stati Uniti per l’Informazione sùll’Energia, e dal deprezzamento sùbito dal dollaro dùrante la sessione odierna. Il ribasso della valùta degli Stati Uniti potrebbe far aùmentare la domanda di petrolio. Greggio e Brent sono saliti a massimi non toccati da agosto. Tale incremento dimostra il miglioramento dei fondamentali negli Stati Uniti.

Nonostate le scorte di greggio degli Stati Uniti registrino il terzo calo consecùtivo, tale ridùzione potrebbe non avere alcùn effetto sùll’eccesso di offerta globale. La Rùssia ha, infatti, annùnciato che la propria prodùzione ha raggiùnto ùn nùovo massimo storico, sùperiore agli 11 milioni di barili al giorno. La ripresa dell’attività prodùttiva in Libia e Nigeria contribùisce, infine, a far ùlteriormente aùmentare ùn’offerta di petrolio già notevolmente sùperiore alla domanda, ancor più aggravando lo sqùilibrio del mercato petrolifero.




  • CONDIVIDI