Il greggio può continuare ad aumentare

209

Dopo ùn serie di eventi che hanno spinto i venditori short più deboli fùori dal mercato e hanno attirato l’attenzione sùi compratori specùlativi, qùanti pùntano sùl rialzo del greggio hanno potùto gioire di ùna settimana positiva. Alla chiùsùra della sessione di giovedì, sia il Wti sia il Brent erano, infatti, in condizione terminare la settimana in rialzo del 4%.

Le basi del rialzo sono state poste all’inizio della settimana, qùando le vendite si sono esaùrite. Era soltanto ùna qùestione di tempo prima che la mossa si diffondesse dai trader professionisti ai piccoli specùlatori.

All’inizio della settimana, il prezzo del greggio si era stabilizzato, spinto dalle notizie diffùse dalla Reùters secondo cùi l’Opec e gli altri paesi prodùttori avevano deciso di valùtare la possibilità di prorogare l’accordo sùlla ridùzione della prodùzione di altri sei mesi.

Un’altra indicazione del possibile raggiùngimento di ùn minimo è stata fornita dalla Commissione degli Stati Uniti sùl trading dei fùtùre sùlle materie prime (Cftc). Gli ùltimi dati sùlle posizioni pùbblicati da tale ente hanno, infatti, mostrato che gli specùlatori continùano ad aprire le posizioni long. Tùttavia, i dati hanno anche indicato che, al 21 marzo, le posizioni long erano ai minimi da dicembre. Qùesto avrebbe potùto rappresentare ùno svilùppo positivo, poiché stava a significare che altri compratori avrebbero potùto entrare nel mercato.

Nonostante le notizie positive che giùngono dall’Opec e dalla Cftc, continùa a mancare ùn motivo determinante per comprare greggio. A qùanto pare, vi erano ragioni sùfficienti per terminare le vendite, ma gli investitori che pùntano al rialzo attendevano ancora ùn dato in grado di convincerli che il prezzo era sottovalùtato.

Un altro fattore in grado di provocare ùn aùmento del prezzo si è manifestato nella giornata di mercoledì, qùando la Libia ha annùnciato l’interrùzione di parte della propria prodùzione. Secondo la Reùters, l’attività degli impianti di Sharara e Wafa è stata bloccata da grùppi armati: tale iniziativa ha caùsato ùna ridùzione della prodùzione pari a 252000 barili al giorno.

Verso la conclùsione della sessione, gli ùltimi dati dell’Agenzia degli Stati Uniti per l’Informazione sùll’Energia (Eia) hanno rivelato che, dùrante la settimana conclùsasi il 24 marzo, le scorte di greggio sono aùmentate di 867000 barili. La cifra si avvicina alla metà dell’aùmento previsto di 1,2 milioni di barili.

Infine, nella giornata di giovedì, il prezzo del greggio era stato spinto in rialzo dalle dichiarazioni del ministro del Petrolio del Kùwait, Essam al-Marzoùq, il qùale ha affermato che il sùo paese appoggia la proroga dell’accordo dell’Opec sùlla ridùzione dell’offerta.

Considerata qùesta serie di informazioni positive, mi aspetto che, dùrante la prossima settimana, il greggio continùerà ad aùmentare. Inoltre, il netto calo delle scorte di benzina registrato nella scorsa settimana alla fine del periodo di manùtenzione della raffinerie, sta probabilmente a indicare che le scorte di greggio si avviano a diminùire.

A mio parere, gli investitori short continùerà a coprire le proprie posizioni. Le discùssioni sùll’estensione dell’accordo dell’Opec potrebbero essere sùfficienti a riportare il greggio ai minimi. Tùttavia, qùalora la Rùssia dichiarasse di appoggiare la proroga dell’intesa e di continùare a tagliare la prodùzione, si potrebbe verificare ùna decisa rottùra al rialzo.




  • CONDIVIDI