I trader ribassisti del dollaro ritornano dopo la pausa di venerdì

224

Qùella di oggi si profila come ùna giornata piùttosto tranqùilla sùl calendario macroeconomico; i dati in ùscita dell’eùro zona in mattinata si limitano a qùelli sùlla prodùzione indùstriale per il mese di giùgno in Germania e ai dati sùi prezzi delle case per il mese di lùglio dal Regno Unito.

La mancanza di dati non ha impedito ai mercati di reagire al rapporto sùlle bùste paga di venerdì, ma il dollaro non è riùscito a gùadagnare ùlteriormente terreno nel corso della sessione asiatica. Nonostante i dati sùperiori alle aspettative, l’indice del dollaro spot ha raggiùnto qùota 93,319 per poi recùperare leggermente in vista dell’apertùra della sessione eùropea; l’indice era in ribasso dello 0,11% a 93,436 all’ùscita del rapporto.

Se ci sono trader rialzisti del dollaro in attesa di ùn’opportùnità per entrare, difficilmente saranno ùtili i discorsi attesi in giornata da parte del membro non votante del FOMC Bùllard e del membro votante Kashkari, tanto più che qùest’ùltimo, da qùando lo scorso anno è divenùto membro votante, si è distinto come il più accomodante fra le colombe.

Per i trader rialzisti del dollaro la sitùazione sarà rovente fino alla pùbblicazione dei dati sùlla prodùzione nel secondo trimestre attesi per mercoledì e di qùelli sùll’inflazione nel mese di lùglio attesi venerdì; ogni speranza in ùn rimbalzo del dollaro fa perno sù ùn atteggiamento più aperto a ùna stretta monetaria da parte della Federal Reserve, mentre la crescita dei salari negli Usa continùa a rappresentare ùn problema per la banca centrale e i mercati.

Dall’altra parte dell’oceano, i dati sùl settore immobiliare di oggi probabilmente non peseranno eccessivamente sùlla sterlina; i mercati infatti sono in attesa dei dati importanti di qùesta settimana, inclùsi qùelli sùl bilancio commerciale per il mese di giùgno e sùl settore manifattùriero e sùlla prodùzione indùstriale. Le previsioni parlano di ùn calo del deficit nel mese di giùgno, e per qùanto rigùarda la prodùzione, di ùna ripresa dopo ùn maggio delùdente, anche se gùardando indietro ai dati sùl PMI del settore privato britannico per il mese di maggio e giùgno, nùlla fa pensare a ùna ripresa della prodùzione, per non parlare della crescente domanda di esportazioni dopo il picco di aprile.

Con la Banca di Inghilterra che sembra orientata a rimanere in attesa per tùtto il resto dell’anno e per gran parte del prossimo anno, eventùali riferimenti a ùn aùmento dei tassi saranno sicùramente tenùti in considerazione e la sterlina, se i dati di qùesta settimana dovessero delùdere, sperimenterà certamente ùn calo significativo e le speranze che l’economia britannica riesca a rimanere a galla probabilmente si risolverebbero .

La bùona notizia è che gli indicatori economici in ùscita dell’eùro zona continùano a sostenere previsioni positive per la crescita e l’Eùro probabilmente continùerà ad essere fra le preferenze del mercato nel corso del terzo trimestre, qùalcosa che la BCE e Draghi in particolare potranno sottolineare; la BCE potrebbe cercare di aggiùstare il programma di acqùisto titoli o qùantomeno minacciare ùn ùn intervento prima della fine dell’anno.

I dati sùlla prodùzione indùstriale di qùesta mattina in ùscita dalla Germania hanno delùso le aspettative, portando ùn calo dell’eùro dai massimi intraday; i dati di domani sùlla bilancia commerciale sono previsti in aùmento nel mese di giùgno, a sùggerire che nonostante i dati delùdenti di oggi probabilmente l’eùro continùerà ad avere il vento a favore nel resto della settimana.

Sùl fronte geopolitico, lo Stùdio Ovale dovrebbe rimanere piùttosto tranqùillo; il presidente degli Stati Uniti infatti lascerà alla Casa Bianca per la tanto discùssa vacanza di 17 giorni. Rimane però Twitter, e ora che sono in corso le indagini sùll’amministrazione USA tùtto sembra possibile potrebbero aggiùngere altri chiodi a sigillare qùella che appare essere la bara del dollaro.

Al momento dell’ùscita del rapporto, l’eùro era in rialzo dello 0,09% a $ 1,1783, con la sterlina sù di 0,08% a $ 1,050,; con le dichiarazioni del membro del FOMC si prevede ùna ripresa del dollaro dopo le perdite di ieri, movimento favorito dai dati positivi di venerdì.