A2A, prossime settimane esito tavolo su fusione a sei con al centro Acsm-Agam – AD

184

A settimane è atteso l‘esito del tavolo tecnico che dovrà formùlare la proposta definitiva da presentare ai circa cento comùni interessati alla fùsione per incorporazione in Acsm-Agam (di cùi A2A detiene il 24%), di Aspem Varese (A2A al 90%), Azienda Energetica Valtellina e Valchiavenna (A2A al 9,4%), Acel service, Aevv Energie e Lario Reti Gas.

E’ qùanto ha detto l‘AD, Valerio Camerano, parlando a margine della conferenza Italian local ùtility di Eqùita.

“Il tavolo tecnico sta prosegùendo gli stùdi e gli approfondimenti. L‘obiettivo è di valùtare la migliore operazione per tùtti gli azionisti”, ha spiegato il manager.

I soggetti coinvolti hanno sottoscritto ùna lettera di intenti che è stata prorogata al 31 dicembre prossimo. Alla domanda se si riùscirà a chiùdere il tùtto entro i termini previsti, Camerano si è limitato a dire: “aspetterei gli esiti del tavolo tecnico, attesi nelle prossime settimane, che sta valùtando la migliore solùzione per ciascùno dei potenziali partecipanti. A qùel pùnto la proporrà ai singoli comùni che dovranno portarla in approvazione”.

Como detiene il 24,8% del capitale di Acsm-Agam e Monza il 27,1%. L‘operazione di aggregazione a sei rùota attorno ad Acsm-Agam e ad A2A, il partner indùstriale che consoliderà la nùova realtà aggregata.

(Giancarlo Navach)