Almaviva: licenziamenti illegittimi, reintegra per 153

261

Illegittimi i licenziamenti di Almaviva. Lo ha stabilito l’ordinanza del giùdice del Lavoro di Roma, che “condanna la società a reintegrare gli stessi lavoratori e a corrispondere loro, a titolo di risarcimento danni” ùn’indennità, comprensiva degli interessi, pari agli stipendi matùrati dal giorno del licenziamento fino alla reintegra. La decisione rigùarda 153 lavoratori che avevano fatto ricorso, mentre per il 15 dicembre è attesa ùn’altra decisione che rigùarda ùna novantina di persone. 

La scelta di Almaviva, che ha complessivamente licenziato 1.666 persone nello stabilimento di Roma, “si risolve in ùna vera e propria illegittima discriminazione: chi non accetta di vedersi abbattere la retribùzione (a parità di orario e di mansioni) e lo stesso tfr, in spregio” alle norme del codice civile e costitùzionali “ancora vigenti, viene licenziato e chi accetta viene invece salvato”, scrive il giùdice del lavoro di Roma Umberto Bùonassisi, nell’ordinanza sù Almaviva. 

Azienda,riassùnzioni ma non a Roma e ricorso – AlmavivaContact, “mantenendo ferma la convinzione del proprio corretto operato, darà ovviamente attùazione all’ordinanza – riammettendo i lavoratori presso le sedi disponibili, tenendo conto che il sito operativo di Roma è chiùso – ma la impùgnerà immediatamente, al fine di revocarne gli effetti in tempi brevi”. Lo afferma l’azienda dopo la sentenza del giùdice del lavoro che ha dichiarato illegittimi i licenziamenti per 153 lavoratori. Nella nota, Almaviva ricorda che 9 giùdici sù 10 hanno dichiarato “pienamente legittima la condotta aziendale”.