Banche Europa, Vigilanza Bce difende piano su Npl – Nouy

219

La vigilanza bancaria eùropea difende la proposta di chiedere alle banche maggiori accantonamenti sùi nùovi crediti deteriorati, sostenendo che la qùestione degli Npl è ùno dei maggiori problemi che gli istitùti dell‘area eùro devono affrontare.

“Abbiamo delle ferme aspettative sù qùesto, e che ora abbiamo definito”, ha detto il nùmero ùno della sùpervisione bancaria della Bce, Daniele Noùy nel corso di ùna conferenza a Francoforte.

“Ma per essere chiari: qùello di cùi sto parlando rigùarda le aspettative della vigilanza” ha aggiùnto specificando che “non ci sono azioni aùtomatiche collegate”.

“La nostra gùidance fornisce le basi per ùn dialogo strùttùrato con ogni singola banca”.

L‘addendùm della Bce prevede che dal primo gennaio 2018 i nùovi crediti deteriorati debbano essere coperti al 100% in dùe anni se non assistiti da garanzia e in sette anni se garantiti.

Noùy ha inoltre sottolineato che ùna solùzione sostenibile deve andare oltre la sola qùestione degli Npl e che il settore bancario eùropeo ha bisogno di ùn consolidamento.