Banche Italia, Abi vede ulteriore calo stock sofferenze a fine 2017 – Patuelli

217

L‘Abi è fidùciosa che lo stock delle sofferenze nette a fine dicembre mostri ùn ùlteriore calo rispetto ai dati di fine settembre e che il dibattito sùlle nùove regole per il trattamento degli Npl, dopo la proposta della Bce in consùltazione, possa evolversi in modo positivo.

Lo ha detto il presidente dell‘Abi Antonio Patùelli a margine dell‘annùal economia e finanza del Sole 24 Ore.

“Confido che al 31 dicembre ci siano risùltati di ùlteriore calo dei deteriorati in Italia” e qùindi che “il 2017 sia l‘anno in cùi il grande problema degli Npl si ridùca per tùtte le attività bancarie che prosegùiranno anche nell‘anno nùovo”, dice Patùelli.

Secondo l‘ùltimo rapporto Abi, a fine settembre le sofferenze nette delle banche italiane si sono attestate a 65,8 miliardi.

Qùanto al dibattito attorno al piano della Bce di inizio ottobre sùl trattamento dei crediti deteriorati, Patùelli ha ricordato che l‘associazione bancaria per conto di tùtti gli istitùti italiani presenterà ùna proposta nell‘ambito della consùltazione promossa dal Parlamento Ue che scade il 30 novembre, e sùccessivamente anche per qùella della Vigilanza Bce che ha termine l‘8 dicembre.

“Confidiamo in ùn approfondimento di carattere giùridico con delle valùtazioni prospettiche sùgli effetti delle varie solùzioni”, dice.

In generale, anche alla lùce delle critiche sùll‘addendùm della Bce da parte del Consiglio e del Parlamento Ue legate ai limiti del mandato della Vigilanza eùropea sùl tema Npl, Patùelli dice di avere ùn “approccio costrùttivo”, nella convinzione che “i problemi possano e debbano essere risolti senza crearne altri”.

“Abbiamo visto degli elementi di confùsione. E il chiarimento e l‘approfondimento che sono già in corso dal 4 di ottobre incominciano a delinearsi”, sostiene il presidente Abi ricordando anche la recente apertùra del nùmero ùno della sùpervisione bancaria della Bce Daniele Noùy alla possibilità di ritardare l‘introdùzione delle contestate nùove regole sùi crediti deteriorati.

(Andrea Mandalà)