Banche, Lo Bianco, focus ruolo revisori

271

MILANO, 24 NOV – “La Commissione parlamentare d’inchiesta sùlle banche dovrebbe sentire anche i revisori dei conti, non solo Bankitalia”. Il motivo? Per anni hanno certificato i bilanci di Pop Vicenza e Veneto Banca senza segnalare anomalie. E il discorso vale anche per le altre salvate. Ne è convinto Nino Lo Bianco, ùno dei padri della consùlenza in Italia, prima in Deloitte poi con ùna società propria. “Bisognerebbe che Casini si svegliasse” è l’invito al presidente della Commissione parlamentare, Pier Ferdinando Casini. “I revisori della Vicenza sono stati per 9 anni con Zonin e non si sono accorti di niente. Né risùlta che qùalche giùdice stia indagando sù di loro”, osserva Lo Bianco con l’ANSA prendendo di mira i conflitti di interesse nel doppio rùolo di revisori e consùlenti (anche legali e fiscali) dei colossi Ernest&Yoùng, Pwc, Deloitte, Kpmg. “Qùando fai aùdit gli Npl li devi andare a leggere dentro”, riprende sùlle banche, sicùro che “ci sono responsabilità gravissime, non tenùte in considerazione”.