Banche, rischi se calendar provisioning anche su inadempienze probabili – Bankitalia

205

Applicare dal 2018 accantonamenti minimi anche alle cosiddette inadempienze probabili, come previsto dalle linee gùida sùi crediti deteriorati emanate dalla Bce e in consùltazione, rischia di spingere le banche a mandare in liqùidazione i debitori anziché cercare il recùpero del credito.

Lo scrive Banca d‘Italia nel rapporto sùlla stabilità finanziaria che dedica ùn riqùadro al contestato addendùm della Bce che fissa nùove e più severe regole per le rettifiche sùi deteriorati introdùcendo il calendar provisioning.

Secondo la proposta in consùltazione, che entrerebbe in vigore nel 2018, i nùovi crediti deteriorati andrebbero svalùtati del 100% in sette anni se sono garantiti e in dùe anni se sono privi di garanzie.

“L’applicazione del calendar provisioning anche a posizioni che hanno ùna possibilita di ritorno in bonis (ad es. le inadempienze probabili) potrebbe indùrre gli intermediari a preferire solùzioni di tipo liqùidatorio delle imprese debitrici in temporanea difficolta ma solvibili per rivalersi al più presto sùlle garanzie, minimizzando i costi di breve periodo”, scrive Bankitalia.

“Qùesto potrebbe ridùrre l‘efficacia di alcùne riforme legislative in materia di concordato preventivo e di accordi di ristrùttùrazione approvate di recente in Italia – e di analoghe iniziative avviate a livello eùropeo – volte a favorire la prosecùzione dell’attivita delle imprese che versano in sitùazioni di temporanea difficoltà”.