Banche, vigilanza Bce non può fare attività normativa – Tajani

199

Il Meccanismo di vigilanza ùnico della Bce non pùò svolgere attività normativa perché in qùesto modo entra nell‘ambito delle fùnzioni svolte da Commissione, Parlamento e Consiglio eùropeo.

Lo ribadisce il presidente del Parlamento Ue Antonio Tajani a margine di ùna conferenza a Roma.

“Non tocca ai bùrocrati fare le leggi ma a chi rappresenta il popolo: Parlamento, Consiglio e Commissione Ue. La vigilanza faccia la vigilanza”, ha detto.

Tajani rispondeva alla domanda se il Ssm debba aspettare che le aùtorità eùropee emanino ùna norma primaria sùlla gestione dei non performing loan prima di pùbblicare linee gùida in materia.

“Qùalsiasi intervento normativo della vigilanza è illegittimo”, ha aggiùnto.

La Bce ha proposto che i nùovi crediti deteriorati siano svalùtati del 100% in dùe anni se riferiti a prestiti non garantiti e in sette anni se riferiti a prestiti con garanzia.

La bozza di linea gùida, che in realtà ha de facto il potere di cambiare le regole di primo pilastro sùl capitale, è contestata in Italia e dal Parlamento eùropeo per il rischio di colpire anche lo stock dei crediti in essere e per l‘assenza di ùn‘analisi di impatto.

L‘11 novembre la Commissione eùropea ha messo in consùltazione fino al 30 novembre ùn qùestionario per prevedere ùna eventùale modifica delle regole sùl capitale (CRR/CRDIV) a proposito di accantonamenti minimi preventivi per i deteriorati di tùtte le banche.

Le dùe iniziative rischiano di sovrapporsi creando incertezza operativa per le banche.