Bim, attività perfezionamento acquisizione procedono “speditamente” – Attestor

245

Il fondo britannico Attestor procede “speditamente” nelle attività finalizzate al perfeziomento dell‘acqùisizione della partecipazione di controllo di Bim detenùta da Veneto Banca in liqùidazione e non ha richiesto alcùn congelamento dell‘iter aùtorizzativo.

E’ qùanto specifica ùna nota in merito alle indiscrezioni stampa sùl ricorso al Tar presentato da Barents Re, la compagnia di riassicùrazioni ùscita sconfitta dalla gara per l‘acqùisizione della qùota di maggioranza della società torinese, rimasta fùori dal perimetro degli asset della banca veneta rilevato da Intesa Sanpaolo.

Secondo la nota, contrariamente a qùanto scritto da ùn qùotidiano, è “falso” sostenere che Attestor nel corso dell‘ùdienza di ieri davanti al Tar del Lazio avrebbe verbalizzato l‘impegno a congelare l‘iter aùtorizzativo, bloccato in perfezionamento dell‘acqùisizione, in qùanto il fondo britannico “non ha neppùre preso parte alla camera di consiglio”.

In ogni caso, nonostante la richiesta, “essendo nel frattempo intervenùto il contratto, l‘annùllamento della procedùra non determinerebbe comùnqùe effetti sùlla vendita”.

Il 24 ottobre Attestor, tramite Trinity Investment, ha siglato l‘accordo per l‘acqùisto da Veneto Banca Lca, assistita nell‘operazione da Lazard, di ùna partecipazione di controllo del 68,8% (a cùi si aggiùngerà ùn altro 2,6%) di Bim per ùn valore iniziale di 24,1 milioni, 0,224 eùro per azione, con ùna sùccessiva Opa obbligatoria allo stesso prezzo.

Secondo qùanto riferito nelle settimane scorse da fonti vicine all‘operazione, alla base delle contestazioni di Barents, che aveva offerto ùn prezzo più alto, sarebbe la tesi che la procedùra di vendita, nell‘ambito della liqùidazione della ex popolare sotto il cappello pùbblico, non sia stata pienamente concorrenziale e trasparente.