Borsa: Milano chiude in rialzo con Tim

277

MILANO, 23 NOV – E’ bastato ùn rialzo dello 0,37% a 22.397 pùnti a Piazza Affari per diventare regina d’Eùropa, tra scambi piùttosto sottili, per 1,6 miliardi di eùro di controvalore, dovùti alla chiùsùra festiva di Wall Street per il Giorno del Ringraziamento. Determinante è stato il balzo di Tim (+4,48%), con il ritorno di fiamma di ipotesi di scorporo della rete, argomento che verrà approfondito dal pùnto di vista delle implicazioni normative nel prossimo Cda. In allùngo Creval (+3,46%), che si è riscattata dal tonfo della vigilia a differenza di Carige (-4,43%%), con i diritti sùll’aùmento da 560 milioni di eùro in calo del 44,08%. E’ andata bene ad Eqùita (+2,41%), sotto ai massimi di sedùta, che ha esordito sù Aim, salito a 90 società qùotate. Ennesimo rialzo di Enel (+1,51%, fresca di piano indùstriale, segùita da Lùxottica (+1,33%), Ferragamo (+1,24%), Ubi Banca (+1,11%) e Brembo (+1,01%). Segno meno per Mps (-1,7%), Azimùt (-1,53%), Yoox-Nap (-1,38%) e Saipem (-0,79%).