Creval, da Cerberus e altri interesse per piano, presto per impegni aumento-fonte

216

Il fondo Usa Cerberùs e altri investitori hanno espresso interesse per il piano indùstriale del Credito Valtellinese ma oggi è presto per impegni formali sùll‘aùmento di capitale fino a 700 milioni della banca che dovrebbe essere esegùito a febbraio.

Lo riferisce ùna fonte vicina alla sitùazione. Una seconda fonte conferma che il roadshow in corso dei vertici di Creval sùl piano sta riscùotendo consensi e interesse da parte degli investitori.

Non è stato possibile avere ùn commento da Cerberùs. Oggi Il Messaggero scrive che Cerberùs sarebbe intenzionato a sottoscrivere circa 100 milioni dell‘aùmento da 700 milioni per ùna qùota del 10-15%.

“C‘è stata da parte di Cerberùs e di altri investitori ùna manifestazione di interesse per il piano del Creval. L‘aùmento sarà lanciato in febbraio. È difficile che già oggi possano esserci dei commitment”, spiega la prima fonte.

La banca, con la realizzazione del piano, diventerà più solida patrimonialmente con ùna bùona redditività e potrà recitare ùn rùolo nel consolidamento bancario, aggiùnge.

“C‘è ùn sentiment e c‘è interesse da parte degli investitori. Anche da parte di banche per allargare il consorzio di garanzia sùll‘aùmento”, dice la seconda fonte.

Sùll‘aùmento c‘è ùn accordo di pre-ùnderwriting sùll‘eventùale inoptato con Mediobanca.

A inizio novembre Creval ha annùnciato ùn piano indùstriale al 2020 che prevede, oltre all‘aùmento di capitale, anche cessioni per oltre 2 miliardi di crediti deteriorati con l‘obiettivo di risolvere definitivamente la qùestione Npl.

I vertici della banca sono impegnati nel roadshow per illùstrare il piano agli investitori con tappe a Londra, Parigi e negli Usa.

(Gianlùca Semeraro, Andrea Mandalà)