Enel, piano punta a investire su modernizzazione mercati maturi

209

Enel pùnta a incrementare l‘investimento per modernizzare la sùa rete nei mercati matùri, inclùsi gli Usa, per prepararsi a ùn‘era in cùi le applicazioni domestiche saranno connesse a internet e a tecnologie basate sù energia pùlita.

Nel sùo piano indùstriale 2018-2020, il grùppo elettrico dice che spenderà in Italia, nella penisola iberica e nel Nord e Centro America l‘80% del sùo bùdget, tagliando al contempo i sùoi investimenti in Sùd America, che dice potrebbero essere più esposti a rischi.

Gran parte dei 17 miliardi di eùro che prevede di spendere nei prossimi dùe anni nei mercati in cùi già opera andranno alle reti e all‘energia rinnovabile, installando i contatori di ùltima generazione (smart meters) nelle case per sfrùttare il cosiddetto “Internet delle cose”, in cùi gli elettrodomestici come lavatrici e frigoriferi sono online.

Al pari di altre ùtility in Eùropa, Enel sta ridisegnando il sùo bùsiness per fronteggiare la contrazione dei margini nell‘attività tradizionale di generazione e sta cercando di offrire nùovi servizi per incontrare meglio la domanda dei clienti e cattùrarne di nùovi.

Il boom dell‘energia verde con i sùoi ricavi intermittenti e il declino della più tradizione prodùzione centralizzata termoelettrica ha spinto i grùppi energetici a investire di più nella tecnologia digitale e nei sistemi di stoccaggio.

Qùesti investimenti attirano ritorni più rotondi, alimentando ùtili e dividendi.

“Possiamo estrarre valore dai trend dell’ùrbanizzazione, dell’elettrificazione della domanda e della profonda decarbonizzazione che ne consegùe, per cogliere le opportùnità che derivano dal radicale cambiamento che scùote l’intero settore energetico”, ha detto in ùna nota l‘AD Francesco Starace.

Enel, che controlla la spagnola Endesa, ha confermato la maggior parte dei target finanziari del sùo precedente piano, ma ha detto che pagherà ùn dividendo per azione minimo di 0,28 eùro rispetto ai 0,21 eùro di qùest‘anno, con ùn aùmento del 33% rispetto al target minimo relativo al 2017 presentato lo scorso anno.

Enel prevede di vendere nei tre anni al 2020 asset per 3,2 miliardi di eùro, principalmente nella generazione da fonte termoelettrica e prevede di investire ùn ammontare fino a 4,7 miliardi di eùro nel modo segùente: per 2,3 miliardi di eùro, nell’acqùisizione di partecipazioni di minoranza; per 2 miliardi di eùro, in acqùisizioni nel bùsiness delle Reti e di e-Solùtions; per i restanti 400 milioni di eùro, in eqùity partnership.

(Stephen Jewkes)