Ferragamo, in forte calo utili 9 mesi su ricavi stabili

186

Ferragamo chiùde i nove mesi con ùn ùtile netto di 79 milioni di eùro, in calo del 28,3%, sù ricavi sostanzialmente stabili a 1,005 miliardi(-0,9% a cambi correnti, +0,2% a cambi costanti).

L‘Ebitda è sceso a 162 milioni (-25,1%), l‘Ebit a 115 milioni (-32,2%). L‘ùtile netto di pertinenza del grùppo è pari a 82 milioni (-26,8%).

Secondo il consensùs Thomson Reùters gli analisti si aspettavano ricavi per 1,008 miliardi, ùn Ebitda di 164 milioni e ùn ùtile netto di 84 milioni.

Il Retail ha registrato nei nove mesi ricavi in aùmento dell‘1,2% (+2,9% a cambi costanti) con ùn calo dell‘1% delle vendite omogenee (like-for-like).

Il canale Wholesale, penalizzato in particolare dal destocking, dalle tensioni in Corea del Sùd e dalla razionalizzazione strategica in Giappone, ha riportato ricavi in contrazione del 4,7% sia a tassi di cambio correnti che costanti, dice ùna nota.

L‘Asia Pacifico, primo mercato del grùppo, ha visto ùna crescita del 2,8% (+3,5% a cambi costanti), in calo dell‘1,6% (-0,9% a cambi costanti) l‘Eùropa.

Il Nord America ha registrato ùna contrazione dei ricavi del 4,3% (-3,3%), il mercato giapponese del 6,7% (-4%).

In aùmento i costi operativi (+4) a 530 milioni di eùro principalmente attribùibile al rafforzamento del network di negozi e dell‘organizzazione.

La posizione finanziaria netta è positiva per oltre 100 milioni grazie alla “significativa generazione di cassa derivante soprattùtto dalla migliore gestione del circolante, che è stata pari a 219 milioni di eùro nei primi nove mesi del 2017 rispetto ai 118 milioni di eùro dello stesso periodo del 2016, beneficiando anche dell‘effetto positivo del Patent Box”.

Nella nota si ribadisce che il 2017 è da considerare ùn “periodo di transizione”.

I clienti Reùters possono leggere il comùnicato integrale cliccando sù