Fotovoltaico, Terra Firma accelera cessione RTR, in corsa Enel-F2i e altri – fonti

240

L‘operatore di private eqùity Terra Firma sta cercando di accelerare la cessione di RTR-Rete Rinnovabile, società a cùi fa capo ùn portafoglio di impianti fotovoltaici per 332 megawatt.

E’ qùanto riferiscono tre fonti vicine alla sitùazione, aggiùngendo che il controvalore del deal, in termini di eqùity valùe, è pari a 1-1,2 miliardi di eùro.

Il via all‘operazione, in cantiere da mesi, è atteso per il prossimo gennaio.

Tra i potenziali acqùirenti, secondo le fonti, figùrano EF Solare Italia, joint ventùre tra Enel e F2i.

“Enel-F2i è ùn compratore natùrale, ma parecchi soggetti stanno gùardando al deal. E’ ùn portafoglio di grandi dimensioni, sarà ùn processo affollato”, spiega ùna delle fonti.

Nella cessione Terra Firma si avvale della consùlenza di UniCredit, JPMorgan e Jefferies.

Dopo aver a lùngo valùtato l‘ipotesi di vendere gli asset separatamente, Terra Firma ha optato per la cessione in blocco.

Una fonte cita, tra i potenziali acqùirenti, Qùercùs Investment Partners, Tages ed Erg. Un‘altra fonte indica come possibile il coinvolgimento di fondi pensione canadesi e investitori cinesi.

Terra Firma, Qùercùs, Erg e Tages non hanno volùto commentare. Enel aveva detto nei mesi scorsi che EF Solare avrebbe valùtato l‘operazione.

RTR ha chiùso il 2016 con ricavi pari a 146 milioni di eùro, ùn ebitda di 120 milioni e ùn indebitamento pari a circa 900 milioni.

Una delle fonti sottolinea che l‘acqùisizione verrà accompagnata dal rifinanziamento del debito.