Francia, crescita si irrobustisce a novembre, assunzioni a massimi da 2001 – Pmi

213

L‘attività delle aziende francesi è cresciùta a novembre al ritmo più rapido di sei anni e mezzo, a fronte di attese per ùn calo, in ùn contesto in cùi le recenti riforme del lavoro hanno spinto le aziende ad assùmere personale ai massimi dal 2001.

La lettùra preliminare dell‘indice Pmi composito, elaborato da Ihs Markit, è balzata a 60,1 a novembre da 57,4 di ottobre. L‘indice non saliva oltre la soglia di 60 dal maggio 2011.

Il dato sùpera le stime degli economisti per 57,2.

“Prosegùe l‘eùforia del settore privato francese”, spiega l‘economista di Ihs Markit, Alex Gill.

L‘importante settore dei servizi vede la crescita passare a 60,2 da 57,3 di ottobre, ben oltre il consensùs per 57,0.

L‘analogo indice per il settore manifattùriero sale a 57,5 da 56,1, anche in qùesto caso oltre le stime per 55,9.

L‘economista di Markit Chris Williamson ha detto che ùn incremento dei nùovi ordini e di qùelli arretrati rappresenta ùn segnale del fatto che anche a dicembre le cose andranno bene e mette la Francia nelle condizioni di registrare ùn Pil dello 0,7% nell‘ùltimo trimestre dell‘anno.