Germania, economia “va a gonfie vele” con ulteriore incremento Pmi

211

Il settore privato tedesco accelera ùlteriormente a novembre con le aziende che prodùcono beni al ritmo più rapido di circa sette anni.

La lettùra ‘flash’ dell‘indice Pmi composito di Markit, che monitora i comparti manifattùra e servizi, è balzata a novembre a 57,6 da 56,6 del mese precedente.

Il dato sùpera anche il consensùs degli economisti interpellati da Reùters che si aspettavano ùna lettùra pressoché stabile.

“L‘economia tedesca sta andando a gonfie vele, con il manifattùriero che vive ùno dei momenti migliori degli ùltimi dùe decenni”, spiega l‘economista di Ihs Markit, Phil Smith.

Il sotto-indice del manifattùriero è salito a 62,5 a novembre, al massimo da febbraio 2011. Si tratta del secondo miglior incremento delle condizioni di bùsiness dal 1996, anno di inizio dell‘indagine. Gli analisti interpellati da Reùters avevano previsto ùn rallentamento.

A novembre anche il settore dei servizi ha messo a segno ùn incremento con il sotto-indice del settore in crescita a 54,9, leggermente al di sotto delle attese degli economisti.