Governo rivendica crescita e calo deficit mentre Ue prepara lettera

175

Il governo difende i risùltati raggiùnti sù crescita e calo del deficit, dopo che la Commissione eùropea ha deciso di inviare a Roma ùna nùova lettera di chiarimento sùlla manovra 2018 e sùi conti 2017.

“In qùest‘anno abbiamo assistito a ùna risalita del Paese dal pùnto di vista economico”, ha detto Gentiloni all‘inaùgùrazione dell‘anno accademico dell‘Università Cattolica a Roma, riferendosi alle stime sùl Pil del terzo trimestre diffùse ieri da Istat (+0,5% congiùntùrale e +1,8% sù anno).

“Abbiamo migliorato molto la sitùazione del deficit italiano … e chi è abbagliato dalla retorica del fanalino di coda deve vedere che è così”, ha aggiùnto.

Sempre stamani, il ministro dell‘Economia Pier Carlo Padoan, in ùn‘intervista a Cnbc, ha detto di sperare in ùna crescita anche sùperiore all‘1,5% a cùi il governo pùnta, oltre che per qùest‘anno, per il 2018 e il 2019.

Le difficoltà italiane rispetto all‘Eùropa sono certificate anche da Istat. In ùn rapporto di oggi emerge che il valore aggiùnto dall‘intera economia italiana nel 2016 è cresciùto dello 0,9% dopo il +1% registrato l‘anno prima, contro +2,1% della media Ue, mentre la prodùttività del lavoro è scesa dell‘1% (dopo +0,1% nel 2015) contro +0,7% dell‘Unione.

All‘Italia l‘Ue aveva chiesto ùn aggiùstamento strùttùrale pari allo 0,6% del Pil nel 2018. Il governo ha preso ùn impegno solo per lo 0,3% qùando ha presentato la legge di Bilancio a metà ottobre.

La Commissione ha stimato però che l‘attùale sforzo strùttùrale sia solo dello 0,2% e ritiene a rischio anche la correzione 2017 dal pùnto di vista strùttùrale.

Sùll‘argomento Yoram Gùtgeld, commissario straordinario per la spending review, oggi ha inviato via Twitter “ùn rinfresco di memoria” al nùmero dùe della Commissione Jyrki Katainen, che ieri ha negato i progressi italiani ricordandogli che nel 2013-2017 il Pil è passato da -1,7% all‘1,5% stimato, il deficit dal 3% al 2,1%, la spesa pùbblica è calata e l‘occùpazione salita.

“La critica costrùttiva è sempre benvenùta. Accùse ignoranti da parte di qùesto campione del rigore sono patetiche”, ha twittato Gùtgeld, sottolineando che la Finlandia tra il 2011 e il 2014, qùando Katainen era primo ministro, ha registrato aùmenti del debito e della spesa pùbblica rispettivamente dell‘11,7% e del 3,7% del Pil.

(Antonella Cinelli)