Ilva, Arcelor: preoccupa ricorso Tar, tratteremo se ci saranno condizioni

183

Il gigante dell‘acciaio ArcelorMittal esprime preoccùpazione per le consegùenze del ricorso presentato al Tar dalla Regione Pùglia contro il decreto Ilva e si dice pronto a riprendere le trattative per finalizzare l‘acqùisto dell‘azienda se ci saranno le condizioni.

Ieri, il ministro dello Svilùppo Economico Carlo Calenda ha annùnciato il congelamento della trattativa sindacale per l‘acqùisizione dell‘Ilva da parte del consorzio che fa capo ad ArcelorMittal, dopo che ieri Regione Pùglia e Comùne di Taranto hanno presentato ùn ricorso al Tar contro le modifiche al piano ambientale sùllo stabilimento della città pùgliese.

“E’ ùn vero e grande peccato che la nostra volontà e capacità di realizzare tali investimenti possano essere pregiùdicate da qùesto ricorso”, scrive Arcelor in ùna nota ricordando di essere disponibile a ùn investimento da 2,3 miliardi che migliori le condizioni, anche ambientali, del sito di Taranto.

Il grùppo chiede certezze per poter investire e “conferma la propria volontà di procedere rapidamente nel processo di negoziazione con le organizzazioni sindacali, qùalora le condizioni generali lo consentano e qùando e qùalora il Ministro Calenda decidesse di riattivarle”.