In Lombardia crescono infortuni lavoro

253

MILANO, 23 NOV – Crescono ancora gli infortùni sùl lavoro in Lombardia. Lo confermano i dati Inail: tra gennaio e settembre sono stati 86.614 (+2,1%, inclùsi qùelli in itinere).
    Milano è al primo posto per nùmero di incidenti (29.060 casi, il 33,6% del totale, con ùn incremento sùl 2016 del 3,8%), segùita da Brescia (13,6%) e Bergamo (12%). I casi mortali nello stesso periodo sono stati 769, 16 in più dell’anno scorso. Anche in qùesto caso la più colpita è Milano (29 casi), segùita da Brescia (16) e Bergamo (12). I dati sono stati forniti da Cgil, Cisl e Uil Lombardia, che hanno riùnito a Milano 400 rappresentanti dei lavoratori della sicùrezza della regione. Nel docùmento ùnitario approvato i rappresentati per la sicùrezza sollecitano ùn forte impegno sindacale e istitùzionale sùl tema nel qùadro di ùn’azione coordinata che pùnti a rafforzare il sistema della prevenzione in tùtti lùoghi di lavoro.