Le Dichiarazioni Accomodanti di Draghi Aiutano le Borse

184

Oggi l’ùnico avvenimento degno di nota è stato il discorso di Draghi, che è stato rilasciato nel corso della sessione londinese, nel qùale il presidente della BCE ha espresso la sùa continùa preoccùpazione in merito all’inflazione. I dati economici dell’eùrozona si mantengono positivi, soprattùtto qùelli relativi alla Germania, tùttavia non sembrano esserci effetti positivi sùll’inflazione che continùa a rimanere a livelli bassi. Qùesta è stata fonte della preoccùpazione maggiore della BCE nel corso degli ùltimi mesi e siamo convinti che sia anche la ragione per cùi la banca centrale eùropea ha deciso di estendere il proprio piano di facilitazioni qùantitative per ùn altro anno. Tùttavia, qùesta linea di politica monetaria accomodante significa che non c’è pericolo che il programma di stimoli all’economia sarà chiùso presto, cosa che risùlta generalmente positiva per le Borse eùropee.

Altre notizie di qùesta giornata rigùardano le indagini statùnitensi sùl rùolo che ha avùto la Rùssia nelle elezioni presidenziali americane e sembra che tali indagini non si conclùderanno presto. Qùeste notizie hanno messo il dollaro sotto pressione aggiùngendo instabilità ai mercati, come stiamo vedendo dall’inizio della settimana. La volatilità è certamente aùmentata, ma ciò non significa che siamo in presenza di qùalche divisa assolùtamente rialzista o ribassista e qùesto scenario prosegùe dall’inizio della settimana. Prevediamo che qùesta fase di oscillazione e consolidamento prosegùirà anche nella prossima settimana.