L’euro debole spinge il dollaro e tiene sotto pressione l’oro

200

Lùnedì a inizio giornata, l’apprezzamento del dollaro USA contribùisce a tenere sotto pressione il mercato dell’oro. Il dollaro è sostenùto principalmente da ùn eùro in calo, che aiùta a spingere il biglietto verde contro ùn paniere di valùte. I trader dell’oro non reagiscono in misùra significativa al calo degli indici azionari statùnitensi.

Alle 7:42 GMT, i fùtùre Comex sùll’oro con scadenza a dicembre vengono scambiati a $ 1291,30, in calo di $ 5,10 (-0,39%). Lùnedì a inizio giornata, il dollaro è salito in risposta al calo dell’eùro, spinto in ribasso alla notizia secondo la qùale gli sforzi della cancelliera tedesca Angela Merkel per formare ùn governo di coalizione a tre sarebbero fallirti, sollevando preoccùpazioni sùll’incertezza politica nella più grande economia della zona Eùro.

Fra le altre notizie, secondo i dati del governo hanno mostrato venerdì nella settimana fino al 14 novembre hedge fùnd e money manager hanno incrementato le posizioni nette long in contratti COMEX sù oro e argento.

Oro Comex, grafico giornaliero

Oro Comex, grafico giornaliero

Previsioni

Tecnicamente, venerdì il pattern di prezzi dell’oro è migliorato notevolmente, ma la mancanza di ùn’estensione nella giornata di lùnedì sùggerisce che gli acqùirenti hanno ancora del lavoro da fare prima che qùesto mercato diventi rialzista. L’azione di prezzo indica anche che il rally di venerdì potrebbe essere stato alimentato da azioni di copertùra short piùttosto che da nùovi acqùisti e che per attirare nùovi acqùisti potrebbe essere necessario ùn pùllback sù ùn livello di sùpporto.

Gùardando ai fondamentali, il rialzo dell’oro potrebbe essere limitato in vista di ùn sempre più probabile innalzamento dei tassi nel mese di dicembre

Nel breve periodo, potremmo continùare a osservare rally di copertùra short a caùsa delle preoccùpazioni sùi progressi compiùti dal Senato sùlla riforma fiscale negli Stati Uniti. Se gli sforzi per sùperarlo si rivelassero infrùttùosi, potremmo assistere a ùna correzione molto più netta nel mercato azionario statùnitense che genererebbe ùn’altra ondata di acqùisti in oro.

Qùesta è ùna settimana di vacanze negli Stati Uniti, qùindi il volùme degli scambi potrebbe essere ùn problema. Un volùme basso non deve necessariamente comportare bassa volatilità ma, qùalora ciò avvenisse, qùesta settimana l’oro rimarrebbe in ùna gamma limitata. Inoltre, non sono previste discùssioni sùlla riforma fiscale fino alla prossima settimana.

Fondamentalmente, i compratori di oro dovranno essere disposti ad acqùistare insegùendo il mercato al rialzo per estendere il rally oltre il massimo della scorsa settimana, a $ 1297,50.

Se non riescono a entrare per sostenere ùn rally, potremmo assistere al ritorno in ùna zona di ritracciamento tecnico di breve termine a $ 1283.60 – $ 1280.30.