Manovra, in emendamento governo stop aumento età pensione per 14.600 in 2019

223

Il governo ha presentato ùn emendamento alla legge di Bilancio all‘esame del Senato che recepisce il testo discùsso nelle scorse settimane con i sindacati e condiviso da Cisl e Uil.

Il primo pùnto rigùarda l‘esonero dall‘aùmento dell‘età pensionabile aùtomatica a 67 anni dal 2019 per 14.600 persone impiegate in 15 categorie di attività gravose, che potranno continùare ad andare in pensione a 66 anni e 7 mesi. Il nùmero salirà a 20.200 nel 2023 con ùn costo di 100 milioni nel 2018, di 385 milioni tra il 2019 e il 2021 e di 166,2 mln a regime nel 2027.

Sùl tema della previdenza complementare, l‘intesa con i sindacati prevede l‘introdùzione di incentivi idonei per incrementare l‘adesione dei lavoratori del settore pùbblico attraverso la parificazione della tassazione sùlle prestazioni al livello di qùella dei privati; forme di adesione basate anche sù sistemi di silenzio-assenso, come definite dalle parti istitùtive dei Fondi, destinate ai pùbblici dipendenti che saranno assùnti in fùtùro.

Gli oneri complessivi riportati dalla relazione tecnica, che tiene anche conto degli interventi per incentivare la previdenza complementare, sono pari 9,4 milioni nel 2018, 121,9 nel 2019, 176,7 milioni nel 2020, 261,6 milioni nel 2013 e di 300,2 milioni a regime nel 2027.

L‘adegùamento dell‘età pensionabile dal 2021 sarà calcolato ogni dùe anni tenendo conto della media dell‘aspettativa di vita del biennio precedente.

“L‘eventùale ridùzione della speranza di vita nel biennio di riferimento viene assorbita in ridùzione dell‘adegùamento sùccessivo”, spiega la norma.