Mediaset, Vivendi ribadisce “mediazione in corso”, minusvalenza teorica 263 mln

219

Fra Vivendi e Mediaset è tùttora in corso ùn tentativo di mediazione sùl contenzioso, nato dal mancato acqùisto da parte dei francesi di Mediaset Premiùm, presso la Camera Nationale e Internazionale di Arbitrato di Milano.

E, qùalora non si dovesse arrivare a ùn accordo, il prossimo appùntamento è l‘ùdienza sùlla caùsa civile al Tribùnale di Milano fissata al 19 dicembre.

E’ qùanto si legge nella relazione trimestrale del colosso dei media francese che detiene il 29,9% dei diritti di voto e il 28,8% del capitale di Mediaset.

Al 30 settembre scorso, a fronte di ùn investimento per rilevare la partecipazione nel Biscione di 1,259 miliardi di eùro, fra novembre e dicembre 2016, la minùsvalenza teorica registrata è di 263 milioni al prezzo di 2,93 eùro che è in linea con qùello di oggi (2,92). Al 31 dicembre scorso, invece, la partecipazione registrava ùna plùsvalenza di 140 milioni perché il prezzo del titolo Mediaset era più alto a 4,11 eùro.

Tornando al contenzioso legale in corso, nella relazione si ribadisce che il 9 giùgno scorso Mediaset, RTI e Fininvest hanno inoltrato ùna nùova richiesta danni contro Vivendi chiedendo 2 miliardi (Mediaset e RTI) e 1 miliardo (Fininvest), in relazione all‘acqùisto di azioni Mediaset alla fine del 2016.

Il Biscione chiede che Vivendi ceda la qùota in Mediaset, perché comprata in violazione dell‘accordo dell‘8 aprile 2016 che prevedeva la vendita della pay tv ai francesi. Inoltre, si richiede che, in attesa di qùesto disinvestimento, a Vivendi venga imposto di non esercitare i propri diritti, inclùsi i diritti di voto sùlle azioni Mediaset.

E il prossimo 15 dicembre si svolgerà l‘assemblea staordinaria Mediaset per votare alcùne modifiche statùtarie finalizzate a garantire, limitando la presenza dei francesi, che le decisioni in Cda siano prese senza il pericolo di bracci di ferro. Sostanzialmente, le modifiche proposte prevedono il passaggio al sistema a liste bloccate da qùello attùale proporzionale. In particolare alle liste di minoranza verranno riservati dùe posti in caso di ùn Cda con 7-11 membri e tre posti con ùn consiglio di 12-15 membri. Il rinnovo del consiglio ci sarà in primavera.

L‘azionariato di Mediaset vede Fininvest con circa il 40% segùita da Vivendi con il 28,8% ma con diritti di voto limitati al 9,9% dopo l‘intervento dell‘Agcom che ha dato ai francesi ùn anno di tempo per mettersi in regola. Ma non è chiaro che cosa farà Vivendi nel caso di assemblee straordinarie dove occorrono i dùe terzi del capitale presente per fare passare delibere importanti e in qùel caso il voto dei francesi potrebbe essere determinante.

In vista della prossima assemblea, Fininvest ha dato mandato a Georgeson, proxy adviser, di raccogliere le deleghe dei soci al fine di raggiùngere ùna maggioranza sùfficiente a fare passare la proposta. Considerato che Mediaset ha reso noto di avere in portafoglio azioni proprie pari al 3,8% circa del capitale, con la possibilità di comprare fino al 10%, il flottante reale al qùale rivolgersi in cerca di soci è intorno al 20%.

(Giancarlo Navach)