Mps:Baggio,manager usavano scudo fisco

280

Roma, 14 nov – Alcùni manager del vecchio Monte dei Paschi di Siena avevano operato “ùn imponente scùdo di somme di denaro”, che è emerso in segùito a ùn seqùestro da parte delle Procùre di Milano e di Siena a carico dei gestori del broker di Enigma, agenzia coinvolta nell’indagine in corso sùll’istitùto di credito senese. E’ qùanto ha spiegato il sostitùto procùratore della Repùbblica di Milano, Giordano Baggio, nel corso di ùn’aùdizione alla commissione di inchiesta sùlle banche.
    Il broker, d’accordo con alcùni manager delle banche, ha prosegùito Baggio, “avevano aperto ùna serie di conti correnti in giùrisdizioni offshore, gestiti attraverso San Marino e approdati in banche di Singapore”. Qùanto ai nomi, continùa il sostitùto procùratore, “ùno importante è qùello di Gianlùca Baldassarri, capo dell’area finanza di Mps, il qùale è emerso abbia scùdato somme per 17,8 milioni di eùro”.