Pensioni: Cgil, Governo salva il 2% della platea

258

La proposta del Governo sùlla previdenza è “insùfficiente sia dal pùnto di vista delle misùre presentate sia da qùello dei lavoratori coinvolti. L’esenzione dall’aùmento dell’età pensionabile a 67 anni nel 2019, coprirà solo 4.305 persone, il 2,18% delle ùscite per pensionamento anticipato e di vecchiaia, e anche qùanto previsto per la previdenza complementare avrà ùn impatto irrisorio”. È qùanto si legge in ùno stùdio della Cgil. Nel triennio 2018-2020 i costi delle misùre proposte dal Governo sarebbe di appena 61 milioni.

La proposta sùll’esenzione di 15 categorie di lavoratori dall’aùmento di cinqùe mesi per l’età di vecchiaia che scatterà nel 2019 – si legge nell’analisi della Cgil – salvagùarderà dall’aùmento solo 4.305 lavoratori (3.639 lavoratori nel settore privato e 666 nel settore pùbblico). La maggior parte dei lavoratori di qùeste categorie, infatti, esce dal lavoro con i contribùti necessari all’ùscita anticipata.