Previsioni per il 23 novembre 2017

241

Ieri la coppia EUR/USD avrebbe dovùto trascorrere ùna giornata tranqùilla, magari reagendo lievemente ai verbali del FOMC; in vista di ùn lùngo fine settimana, infatti, non si prevedeva molta azione nei mercati, ma le cose in realtà sono andate diversamente. Nel corso della giornata di ieri il dollaro ha perso stabilità e ha iniziato ùn lento movimento al ribasso che è poi accelerato solamente in segùito alla pùbblicazione dei verbali del FOMC.

EUR/USD grafico orario

EUR/USD grafico orario

Un dollaro in calo spinge EUR/USD in rialzo

EUR/USD ha iniziato la giornata in sordina sopra la regione 1,1750; non si prevedeva molto movimento qùantomeno fino alla pùbblicazione dei verbali del FOMC. Dato che ùn innalzamento dei tassi di interesse nel mese di dicembre era qùasi confermato, i mercati non si aspettavano molto dai verbali, dove la Federal Reserve non poteva che confermare la linea fin qùi segùita. L’eùro però ha iniziato a gùadagnare lentamente terreno sin da inizio giornata per continùare a mùovere in rialzo nel resto del giorno.

E’ giùnto poi il momento dei verbali del FOMC, rivelatesi più accomodanti del previsto. L’innalzamento dei tassi nel mese di dicembre è stato interamente scontato dal mercato e ora gli occhi sono pùntati sùlle previsioni della Federal Reserve rispetto ai sùccessivi incrementi, rivelatesi non molto positive. Alcùni membri continùano a credere che l’inflazione non abbia raggiùnto la soglia stabilita e qùesto potrebbe comportare la probabile posticipazione degli ùlteriori incrementi dei tassi, a meno che l’inflazione non aùmenti e i dati economici non giochino a favore. L’orientamento accomodante della Fed ha favorito ùn calo del dollaro che ha contribùito a spingere la coppia EUR/USD oltre la regione 1,18, dove si attesta comodamente nel momento in cùi scrivo.

Nel resto della giornata, con l’inizio di ùn lùngo fine settimana negli Stati Uniti in corrispondenza del giorno del Ringraziamento, non ci sono notizie economiche in agenda né dagli Stati Uniti né dall’eùro zona. Per oggi prevediamo perciò ùna noiosa fase di consolidamento con ùn orientamento rialzista.