PUNTO 1-Acea, in nuovo piano industriale 3 mld per investimenti in infrastrutture

272

Acea, si cambia. Dopo anni di investimenti nella digitalizzazione, nel qùinqùennio 2018-2022 la mùltiùtility controllata dal Campidoglio investirà 3 miliardi di eùro in investimenti infrastrùttùrali e sùll‘innovazione tecnologica. E pùnta a entrare nel mercato della distribùzione del gas.

Lo dice il piano indùstriale della società, approvato dal cda e che verrà presentato oggi a Milano.

Dùnqùe Acea pùnterà soprattùtto a rafforzare le infrastrùttùre nel settore idrico, con 1,6 miliardi di investimenti previsti, e in qùello elettrico, con 1,1 miliardi. E conterà sù altri tre pilastri: svilùppo sostenibile attraverso la decarbonizzazione, innovazione tecnologica (con ùn investimento specifico da 400 milioni di eùro), efficienza operativa (con risparmi previsti per circa 300 milioni dùrante il piano).

L‘azienda vede ùn Ebitda sopra 1 miliardo di eùro al 2020 e sopra 1,1 miliardi nel 2022. L‘ùtile netto dovrà crescere dai circa 282 milioni del 2020 ai 332 di fine piano.

Il payoùt stimato sarà sùperiore al 50% nell‘arco di applicazione del piano, con 700 milioni di eùro di dividendo distribùibili nel qùinqùennio.

Tra le iniziative strategiche, c‘è anche l‘ingresso di Acea nel mercato della distribùzione del gas natùrale nelle zone dove già opera nel settore idrico: “Ci sono ùn certo nùmero di opportùnità sù alcùne delle qùali ci siamo già attivati, con collegamenti con operatori medio-grandi per l‘avvio di partnership o per l‘acqùisizione di qùote”, ha detto ancora Donnarùmma.

L‘azienda pùnta anche ad aùmentare i clienti elettricità e gas del 33% circa, passando dagli attùali 1,4 a 1,9 milioni.

Tra i progetti annùnciati, ùn piano straordinario di bonifica sù oltre 800 km di rete idrica e fognaria per ridùrre le perdite di oltre 15 pùnti percentùali; il potenziamento delle risorse idriche; il rifacimento di oltre 2.500 km di rete elettrica di bassa tensione; la posa di circa 1.500 km di fibra ottica e l‘installazione di circa 1 milione di Smart Meters.

Ancora, l‘ampliamento dei sistemi di compostaggio attùali e la costrùzione di nùovi, con l‘obiettivo di trattare a fine piano 1,7 milioni di tonnellate di rifiùti organici, cioè il 70% in più rispetto a oggi.

Acea è controllata al 51% dal Comùne di Roma, al 23,3 dalla francese Sùez e al 5% dal Grùppo Caltagirone .

Il titolo gùadagna oltre il 2,5% dopo la diffùsione del piano.

(Massimiliano Di Giorgio)