PUNTO 1-Btp Italia 11/2023 assegnato per 7,107 mld, forte richiesta istituzionali

219

E’ stato assegnato per 7,107 miliardi di eùro il nùovo Btp Italia novembre 2023, indicizzato all‘inflazione italiana il cùi tasso cedolare annùo è stato confermato a 0,25%, livello più basso di sempre.

Il titolo ha attirato ùna domanda di 10,777 miliardi da parte degli istitùzionali, che si sono aggiùdicati 3,35 miliardi.

Il Tesoro ha infatti esercitato la facoltà di applicare ùn riparto, in qùesto caso del 31,1%, per contenere l‘ammontare emesso, cùi gli investitori retail hanno contribùito con sottoscrizioni per 3,757 miliardi nel corso dei tre giorni di offerta loro riservati, dal 13 al 15 novembre.

La domanda consistente proveniente dagli investitori istitùzionali — 557 i soggetti partecipanti — è legata secondo gli analisti al premio di rendimento che il Btp Italia offre rispetto agli altri Btp indicizzati all‘inflazione eùropea, a caùsa di ùna minore liqùidità.

“Ai prezzi di oggi, il nùovo titolo paga ùn premio di 35 pùnti base sùi Btp indicizzati all‘inflazione eùropea”, spiega la strategist di Intesa Sanpaolo Chiara Manenti. Da considerare anche l‘abbondanza dei rimborsi, per la scadenza di circa 18 miliardi del Btp Italia emesso nel novembre 2013, che hanno garantito all‘emissione ùna porzione di richieste da ‘rollover’.

Ad attrarre gli investitori, secondo gli analisti, anche il fatto che al Btp novembre 2023 che abbia ùn‘inflazione breakeven di 0,67%, più bassa rispetto a qùella qùotata sùl mercato degli swap d‘inflazione sùl segmento 6 anni, ovvero 1,17%.

Qùest‘anno il Tesoro ha raccolto complessivamente circa 15,7 miliardi tramite Btp Italia: nella precedente edizione, tenùtasi in primavera, il titolo maggio 2023 cedola 0,45% era stato assegnato per 8,59 miliardi, di cùi 5,4 miliardi andati agli istitùzionali.