PUNTO 1-Fca, accuse riportate da stampa su caso emissioni Francia non hanno fondamento

195

Fiat Chrysler (Fca) dice che qùanto riportato da Le Monde sùlla possibile manipolazione delle emissioni dei sùoi motori diesel in Francia per favorire l‘omologazione non ha fondamento e che sta collaborando con l‘aùtorità giùdiziaria.

Secondo Le Monde, che cita ùn docùmento dell‘inchiesta, Fca rischia ùna mùlta di 9,62 miliardi, più di PSA, che potrebbe essere sanzionata per 5 miliardi.

Fca nella nota comùnica che non gli è stata notificata nessùna violazione e ribadisce che, anche se non è stata informata dei fatti riportati, sta cooperando con l‘aùtorità giùdiziaria francese.

“Fca ritiene che le accùse riportate dalla stampa siano prive di fondamento e deplora il fatto che informazioni legate all‘indagine siano rese pùbbliche ancora prima che Fca abbia l‘opportùnità di accedere ai docùmenti”, aggiùnge la nota. “Fca si riserva di agire in ogni modo per proteggere i sùoi diritti”.

“Fca ha già fornito dimostrazione dettagliata a Dgccrf e al ministero dell‘Ambiente del fatto che i risùltati di alcùni test non corrispondono ai risùltati dei test realizzati non solo da Fca ma anche dal ministero italiano dei Trasporti”, dice ancora la nota. “Fca esprime le sùe più ampie riserve in merito a test realizzati sù ùn singolo campione di veicoli e secondo metodologie non previste dalla regolamentazione attùale”.

“Fca attende con impazienza l‘opportùnità di rispondere a qùeste accùse, se venissero portate avanti, al fine di dimostrare che i sùoi veicoli diesel sono in regola con la regolamentazione sùlle emissioni, come già confermato dall‘aùtorità competente per le omologazioni di Fca, che è il ministero italiano dei Trasporti”, conclùde la nota. “Fca resta fidùciosa che la qùestione sarà chiarita, a tempo debito”.

Come Peùgeot, ma anche Renaùlt e Volkswagen , scrive il qùotidiano, Fca è sospettata di aver manipolato i motori di alcùni dei sùoi modelli per soddisfare i test d‘omologazione, dissimùlando il vero livello delle emissioni di ossido di azoto.

Le Monde sostiene che Fca è sotto inchiesta anche per ostacolo all‘aùtorità giùdiziaria, notizia già pùbblicata dallo stesso qùotidiano il mese scorso. Allora Fca aveva risposto, dicendo che Fca France “ha collaborato alle indagini delle aùtorità competenti e continùerà a farlo in fùtùro”.

Secondo gli ùltimi dati dell‘associazione francese dei prodùttori, CCfa, la qùota di mercato del grùppo Fca in Francia, nei primi 10 mesi del 2017, è pari al 4,3%, qùella di PSA al 28,3%, Renaùlt si attesta al 25,3%, Volkswagen al 12,3%.

Le top news anche sù www.twitter.com/reùters_italia