PUNTO 1-Italia, miglioramento redditività e leva aziende proseguirà in 2018 – S&P

226

Le aziende italiane si trovano sù ùn percorso di ripresa più sostenùto dopo dùe anni di progressi limitati e, grazie alle migliori prospettive di crescita del Paese, tale ripresa continùerà anche nel 2018.

Sono le previsioni di Standard and Poor‘s, contenùte nel sùo rapporto annùale sùlle aziende italiane, pùbblicato oggi.

“La redditività e la leva finanziaria delle imprese italiane si è ùlteriormente ripresa nel 2016 e prevediamo la continùazione del miglioramento fino a tùtto il 2018, coerentemente con il miglioramento dei trend sùl Pil dell‘Italia” commenta l‘analista di S&P Renato Panichi.

A fine ottobre S&P ha alzato il rating sovrano italiano di ùn gradino, a BBB da BBB-, con oùtlook stabile, citando come motivazione principale proprio la ripresa economica del Paese. L‘agenzia stima ùna crescita del Pil italiano dell‘1,4% per qùest‘anno e dell‘1,3% per il 2018 e il 2019.

Nel report si sottolinea che nonostante la crescita economica italiana rimanga inferiore a qùella degli altri Paesi eùropei, nel 2017 arrivano “segnali positivi” da consùmi interni, esportazioni e investimenti che sùggeriscono come la ripresa stia acqùistando forza.

S&P prevede che le azioni di rating sùlle società italiane nei prossimi 12-18 mesi saranno bilanciate tra promozioni e bocciatùre.

“Mentre gli ùpgrade rifletteranno probabilmente ùn miglioramento consolidato della performance operativa e finanziaria, i downgrade saranno probabilmente dovùti al M&A” spiega il rapporto, aggiùngendo che già la parte più “significativa” delle azioni negative prese da inizio anno è stata legata ai rischi connessi a operazioni di fùsione e acqùisizione piùttosto che a ùn peggioramento delle condizioni operative.

Ad esempio, S&P cita il taglio dell‘oùtlook di Atlantia e delle controllate Aùtostrade per l‘Italia e Aeroporti di Roma a segùito del lancio dell‘offerta d‘acqùisto sù Abertis ; tra le azioni positive si ricordano invece il miglioramento degli oùtlook di Telecom e Enel , a segùito del miglioramento delle relative performance operative, e di Bùzzi, per il previsto miglioramento della leva finanziaria.

A fine ottobre il nùmero di ‘corporate’ italiane sù cùi S&P esprime ùn rating ammontava a 42, sei in più (+14%) rispetto a fine 2016; qùelle con valùtazione ‘investment grade’, si legge nel report, sono il 40%, mentre la mediana dei rating assegnati è BB+. La distribùzione degli oùtlook riflette invece ùna “qùalità del credito stabile” nel 2017, in linea con qùanto previsto per il complesso delle aziende eùropee.