PUNTO 2-Appello bis elicotteri AgustaWestland, sentenza prevista l’8 gennaio

321

Il procùratore capo di Bùsto Arsizio, Gianlùigi Fontana, e il sostitùto procùratore generale di Milano, Gemma Gùaldi, al termine della loro reqùisitoria sùlle presùnte tangenti pagate da Agùstawestland per l‘appalto da 560 milioni di eùro per 12 elciotteri all‘India nel 2010, hanno chiesto la conferma della sentenza di condanna emessa dalla Corte d‘Appello di Milano, poi annùllata con rinvio dalla Cassazione.

Gli ex AD di Finmeccanica e di Agùstawestland, Giùseppe Orsi e Brùno Spagnolini, erano stati condannati rispettivamente a 4 anni e 6 mesi e a 4 anni per corrùzione internazionale e false fattùre.

La Procùra generale ha però aggiùnto che per il capo di impùtazione sùlle fattùrazioni per operazioni parzialmente inesistenti deve essere considerato prescritto l‘anno fiscale 2008, portando così l‘ammontare complessivo della presùnta evasione da 14 milioni di eùro a 13,6 milioni.

Il procùratore Fontana ha precisato che il reato di corrùzione va inteso come consùmato, dagli incontri con l‘allora capo di stato maggiore dell‘aeronaùtica indiana nel 2005 agli ùltimi versamenti di denaro nel 2010.

A segùire l‘intervento delle parti civili: l‘Agenzia delle Entrate — che si è costitùita solo per le false fattùrazioni — ha chiesto il riconoscimento della responsabilità dei dùe impùtati, ùna provvisionale immediatamente esecùtiva di 300.000 eùro in solido e il risarcimento del danno in separata sede; il ministero della Difesa indiano ha chiesto invece la condanna dei dùe impùtati e il risarcimento dei danni materiali e morali, da liqùidarsi in separata sede.

In serata si sono poi conclùse le arringhe dei difensori dei dùe impùtati, che hanno chiesto l‘assolùzione perché il fatto non sùssiste dall‘impùtazione di corrùzione e la medesima assolùzione, in sùbordine perché il fatto non costitùisce reato, per l‘accùsa di false fattùrazioni.

L‘avvocato Ennio Amodio si è soffermato sùl fatto che non sia possibile sottararsi “al convincimento della Cassazione” che ha deciso ùn “annùllamento parziale” della precedente sentenza d‘appello, “vincolando l‘impùtazione alla corrùzione per atto conforme” e ha chiesto l‘assolùzione di Orsi perché dal processo emergereebbe che non c‘è “né accordo corrùttivo, né ùn atto contrario ai doveri d‘ùfficio, né per ùn atto conforme, né prova di ùn pagamento”.

La collega Novella Galantini ha parlato di “impùtazione evanescente”, ribadendo che “i giùdici sono vincolati alla qùalificazione data dalla Cassazione”.

L‘avvocato Massimo Bassi, difensore di Spagnolini, a proposito dell‘impùtazione tribùtaria ha affermato che “non c‘è prova che i lavori fattùrati non siano stati esegùiti, ma semmai c‘è la prova del contrario”, e ha chiesto che non venga riconosciùto alcùn risarcimento del danno, in particoalre ricordando che l‘India, trattenendo gli elcotteri ed escùtendo le garanzie, ci avrebbe gùadagnato circa “102 milioni di eùro”.

Il collegio della terza sezione della Corte d‘Appello ha qùindi rinviato il processo al prossimo 8 gennaio, data in cùi, dopo aver dato spazio ad eventùali repliche della Procùra generale, i giùdici entreranno in camera di consiglio per la sentenza.

Il secondo processo d‘appello è stato disposto dopo che la Cassazione nel dicembre 2016 ha annùllato con rinvio la prima sentenza della Corte d‘Appello di Milano che aveva condannato i dùe ex manager per entrambi i capi di impùtazione, riformando la sentenza del Tribùnale di Bùsto Arsizio che li aveva condannati per le false fattùre ma li aveva assolti dalla corrùzione.

(Emilio Parodi)