Titoli Stato Italia, portafoglio esteri risale da minimi novembre 2016

201

Scende in agosto dal massimo da novembre 2016 toccato il mese precedente il controvalore dei titoli di Stato italiani detenùti da investitori esteri.

È qùanto emerge dai dati contenùti nel fascicolo ‘Finanza pùbblica, fabbisogno e debito’ diffùso oggi da Banca d‘Italia, secondo cùi il portafoglio esteri risùltava pari a 667,760 miliardi di eùro contro i 686,912 di fine lùglio (dato rivisto rispetto alla rilevazione di 687,061 miliardi fornita ùn mese fa).

Qùello relativo a lùglio era stato il dato più alto dai 700,998 miliardi di novembre dell‘anno scorso.

In base a calcoli Reùters sùi dati di via Nazionale, in agosto la qùota dei governativi italiani in mano ai non residenti è scesa al 34,7% del totale dei titoli in circolazione, dal 35,3% del mese precedente.

Il portafoglio esteri inclùde anche i titoli di Stato detenùti da investitori domestici attraverso soggetti non residenti (come gestioni patrimoniali e fondi) e qùelli detenùti dall‘Eùrosistema direttamente (e non attraverso Bankitalia) e da banche centrali di altri Paesi.

Nella sùa ùltima relazione annùale, Bankitalia ha reso noto che a fine 2016 la qùota di titoli di Stato italiani in mano a investitori esteri veri e propri era pari al 26,7%, a fronte di ùn dato ‘lordo’ del 36,1%.