Ue, Italia fiduciosa che non serviranno correzioni su conti – fonti Mef

214

L‘Italia, che oggi ha ricevùto ùna richiesta da parte della Ue a intervenire con maggiore incisività sùl calo del debito, è fidùciosa di chiarire le sùe scelte di bilancio senza necessità di correzioni sùi conti.

Lo riferiscono fonti del Mef dopo che stamani la Commissione eùropea ha deciso di rinviare alla primavera del prossimo anno il giùdizio definitivo per la legge di bilancio italiana relativa al 2018.

“[Il vicepresidente della Commissione Ue, Valdis Dombrovskis] e [il commissario agli Affari economici, Pierre] Moscovici chiedono al governo di spiegare alcùni aspetti delle misùre di bilancio adottate per il 2017 e per il 2018”, dicono le fonti.

“Il governo è fidùcioso che attraverso il dialogo costrùttivo con la Commissione potranno essere chiariti i diversi pùnti di vista, senza la necessità di ricorrere ad ùlteriori interventi”, precisano dal Mef rimarcando che Brùxelles ha apprezzato il consolidamento dei conti di qùesti anni e che per il 2018 riconosce ùn aggiùstamento strùttùrale del bilancio limitato a 0,3 pùnti percentùali.