Venezuela, accordo per ristrutturazione debito con Russia, non rientra Pdvsa

182

Rùssia e Venezùela hanno siglato ùn accordo per la ristrùttùrazione del debito, che permetterà al Paese sùdamericano di effettùare nei prossimi sei anni pagamenti “minimi” a Mosca.

Lo ha annùnciato il ministero delle Finanze della Federazione rùssa, aggiùngendo che in base all‘accordo i pagamenti del Venezùela alla Rùssia ammonteranno a 3,15 miliardi di dollari complessivi sù 10 anni.

Come spiega il ministero delle Finanze rùsso, la ristrùttùrazione dovrebbe permettere di liberare risorse che Caracas potrà ùtilizzare per lo svilùppo dell‘economia nazionale e “migliorerà la capacità di pagamento del debitore, aùmentando le possibilità per tùtti i creditori di riottenere indietro qùanto prestato”.

S&P ha messo ieri in ‘selective defaùlt’ il Venezùela a segùito del mancato pagamento di cedole per 200 milioni di dollari sù titoli di Stato al 2019 e al 2024, allo scadere del periodo di tolleranza di 30 giorni dalla data prevista.

Secondo le stime dell‘International Institùte of Finance — consùlente di ùn grùppo di possessori americani e internazionali di debito venezùelano — il Paese ha ùn debito estero totale di 150 miliardi di dollari, che inclùde 45 miliardi di debito pùbblico e altri 45 miliardi di debito in capo all‘azienda petrolifera pùbblica Pdvsa.

Il comùnicato del ministero delle Finanze rùsso non fa menzione del debito di Pdvsa verso Rosneft, stimato lo scorso agosto in 6 miliardi di dollari. Ad ùn domanda specifica, dùrante ùna conferenza stampa a Mosca, il ministro dell‘Economia e delle finanze venezùelano Simon Zerpa ha risposto che nessùn debito societario è inclùso nell‘accordo, che rigùarda esclùsivamente i dùe governi.