BPA, l’Ue impone nuovi limiti su stoviglie e involucri di plastica: per i bambini prevista la soglia zero

L’Europa impone una stretta sul bisfenolo A (noto anche come BPA), la sostanza chimica utilizzata per stoviglie di plastica e involucri per il cibo, ma anche cd, dvd, attrezzature sportive e scontrini. La Ue ha già inserito il bisfenolo A tra le sostanze con effetti tossici sulla capacità di riproduzione umana. Gli effetti cancerogeni non sono mai stati dimostrati.
Nel voto di ieri la Commissione ambiente del Parlamento Europeo ha dato il suo ok alla proposta della Commissione Europea: abbassare i limiti di migrazione della sostanza da 0,6 a 0,05 mg per chilo e portare a zero la soglia negli involucri per alimenti destinati a bambini e neonati. Per i bambini europei adesso la tutela è piena: già dal 2011 il bisfenolo A era stato eliminato da tutti i biberon. È stata bocciata, nella stessa commissione Ambiente, la proposta di eliminare totalmente il BPA. Avendo ricevuto il via libera, ora il dossier potrà continuare il suo iter senza passare per la plenaria del Parlamento Ue. I tempi non sono ancora certi ma i nuovi limiti entreranno in vigore comunque prima della fine del 2018.
Alcuni stati membri si erano già mossi per stabilire restrizioni ancora più severe: la Francia ha…