BnacoBpm: da Cda ok a piano compensi, bonus 50% in azioni a supermanager

105

Il Cda di Banco Bpm ha deliberato i termini essenziali del piano di compensi basato su azioni della banca, da sottoporre all’approvazione della prossima assemblea dei soci del 7 aprile 2018.

Il piano, informa una nota, consente la valorizzazione di una quota della componente variabile della remunerazione a valere sul sistema di incentivazione annuale (2018), rivolto a componenti esecutivi del Cda e a dipendenti e collaboratori del Gruppo bancario Banco Bpm (riconducibili alla categoria del personale più rilevante) che prevede l’assegnazione gratuita di azioni ordinarie Banco Bpm.

La modalità di pagamento del bonus al personale più rilevante (tra cui l’a.d. Giuseppe Castagna e il d.g. Maurizio Faroni) è strutturata – in coerenza con le vigenti disposizioni normative – in quote up-front e differite, sotto forma di denaro e di azioni, corrisposte in un periodo pluriennale (3 o 5 anni). La struttura di assegnazione delle azioni prevede un periodo di retention (vincolo alla vendita) pari a due anni per la quota up-front e di un anno per le quote differite.

Il piano – prosegue il comunicato – è proposto quindi, nell’ambito delle politiche di remunerazione adottate dal gruppo per il 2018, per allineare gli interessi tra management e azionisti, remunerando le risorse strategiche del gruppo in funzione della creazione di valore nel medio-lungo termine.

Per i soggetti potenzialmente destinatari del Piano, il 50% del bonus riconosciuto, subordinatamente anche al raggiungimento di specifici obiettivi di performance, è corrisposto mediante assegnazione gratuita di azioni ordinarie Banco Bpm, assoggettate a clausole di differimento e di retention (vincolo alla vendita).

Il 60% della componente azionaria matura up-front e il restante 40% è differito in tre quote annuali di pari importo; per importi di bonus riconosciuti superiori a euro 300 mila, la quota upfront è pari al 40% e il restante 60% è differito in cinque quote annuali di pari importo. Il periodo di retention decorre dalla maturazione ed è di due anni per la quota up-front e di un anno per quelle differite, mentre l’effettiva disponibilità delle azioni, da parte dei beneficiari, decorre dal termine del periodo di retention. Considerando il periodo di retention, il Piano si conclude nel 2025.

La maturazione di ciascuna delle quote differite del bonus è sottoposta al rispetto integrale dei cancelli di accesso consolidati e dei relativi valori soglia di confronto previsti per l’esercizio precedente l’anno di maturazione delle medesime.

Il fabbisogno massimo è stimato in euro 11 milioni, di cui euro 1,9 milioni destinati al riconoscimento di eventuali golden parachute.

Alla data odierna non è possibile indicare il numero massimo di azioni ordinarie Banco BPM che verranno assegnate ai sensi del Piano, in quanto la loro esatta quantificazione è condizionata al verificarsi delle condizioni di accesso al sistema di incentivazione annuale (2018), alle performance conseguite da ciascuno dei potenziali beneficiari del Piano medesimo nonché – se del caso – alla eventuale concessione di indennità di fine rapporto/carica.

com/cce

Copyright (c) 2018 MF-Dow Jones News Srl


BnacoBpm: da Cda ok a piano compensi, bonus 50% in azioni a supermanager è stato pubblicato su Dow Jones News dove ogni giorno puoi trovare notizie di economia e mercati.