Lavoro: Ugl, tutelare economia e lavoro per far ripartire Italia

133

“Oggi nasce la nuova Ugl, un sindacato protagonista del mondo del lavoro ma anche della politica. L’obiettivo è di far crescere l’economia, il lavoro, la sicurezza e il welfare che sono i paradigmi attraverso i quali si deve misurare lo sviluppo reale dell’Italia e degli italiani. Poi, dopo, c’è il Pil, il debito pubblico e tutte le altre cose che ci chiede l’Europa. Prima di tutto è necessario tutelare l’Italia e gli italiani”.

Questo il contenuto della relazione che il segretario Generale dell’Ugl, Paolo Capone, ha illustrato oggi in occasione del 4* congresso confederale del sindacato dal titolo “Italia Forte, Lavoro Vero”, due giornate dedicate al lavoro, all’economia e al futuro del Paese a cui hanno partecipato circa 800 delegati dell’Ugl provenienti da tutta Italia. “Quello che proponiamo è di attivare meccanismi di protezione per le nostre fasce produttive e sociali più deboli, sottraendole alla selvaggia concorrenza internazionale; avviare processi di reindustrializzazione; ridare al lavoro il valore e la dignità che gli sono propri, promuovere una nuova alleanza tra capitale e lavoro”, sottolinea Capone sottolineando che “occorre una nuova cultura economica e politica, che significa anche una nuova classe dirigente, competente e dotata di capacità di visione. Bisogna tutelare i lavoratori e l’occupazione partendo dall’abolizione del jobs act”.

“Abbiamo un tasso di disoccupazione giovanile intollerabile, i migliori talenti stanno andando all’estero e noi stiamo compromettendo irreparabilmente il futuro del nostro Paese. Ecco perché è necessario l’introduzione di misure per favorire l’assunzione dei giovani”, conclude Capone sottolineando che “un altro punto dolente è l’abolizione della riforma Fornero.

com/alu

Copyright (c) 2018 MF-Dow Jones News Srl


Lavoro: Ugl, tutelare economia e lavoro per far ripartire Italia è stato pubblicato su Dow Jones News dove ogni giorno puoi trovare notizie di economia e mercati.