Npl: Petrignani (Quaestio), al lavoro per fondo Italian Recovery II

107

Quaestio Capital sgr si prepara a dare un seguito al fondo Italian Recovery, l’ex ‘Atlante 2’ che era nato nell’agosto del 2016 su iniziativa delle principali banche italiane, fondazioni, gruppi assicurativi e società pubbliche per investire in crediti deteriorati e strumenti collegati a operazioni in Npl.

“Lavoriamo sul fondo successivo, che auspicabilmente già nel 2018 prenderà il posto del primo quando quest’ultimo – a fine ottobre – avrà raggiunto il limite temporale utile per effettuare gli investimenti”, ha dichiarato questa mattina l’a.d. di Quaestio sgr, Paolo Petrignani, intervenendo alla ‘Real estate & Finance conference’ organizzata dal Sole 24 ore.

A margine del convegno, il top manager ha poi aggiunto che la dotazione del nuovo veicolo sarà sicuramente inferiore a quella del primo fondo, lanciato a suo tempo per porre rimedio a una situazione emergenziale e riuscito effettivamente a “togliere i grandi rischi sistemici”, ha osservato. Il numero uno di Quaestio ha inoltre assicurato che “c’è una lista lunghissima di soggetti interessati a investire con noi” nella futura iniziativa. “Fondi, fondi pensione, fondi sovrani e anche servicer”.

Per quanto riguarda il primo fondo, Petrignani ha ricordato come nel corso dello scorso anno abbia “comprato circa 31 miliardi di euro lordi – per oltre il 50% garantito da immobili di ogni tipo – per un investimento complessivo di circa 2,5 miliardi”. La capacità di fuoco non si è tuttavia ancora esaurita. “Abbiamo ancora oltre 100 milioni da investire, cifra che può variare e che destineremo a 1-2 operazioni rilevanti attualmente in fase di valutazione”.

ofb

oscar.bodini@mfdowjones.it

Copyright (c) 2018 MF-Dow Jones News Srl


Npl: Petrignani (Quaestio), al lavoro per fondo Italian Recovery II è stato pubblicato su Dow Jones News dove ogni giorno puoi trovare notizie di economia e mercati.