Prysmian: in 2018 prosegue processo razionalizzazione attivita’

99

Prysmian prevede per il 2018 di proseguire nel processo di razionalizzazione delle attività, con l’obiettivo di realizzare le previste efficienze di costi e rafforzare ulteriormente la competitività in tutti i segmenti di attività.

In particolare, spiega una nota, per l’anno in corso la societa’ prevede che la domanda nei business ciclici dei cavi per le costruzioni e industriali risulti in crescita rispetto al 2017 grazie alla ripresa della domanda europea parzialmente compensata dalla debolezza in Medio Oriente (Oman), mentre si attende un trend di stabilità nel business dei cavi di media tensione per le utilities, con un andamento eterogeneo nelle diverse aree geografiche.

Nel segmento Energy Projects, a fronte di un mercato atteso in crescita, Prysmian prevede di consolidare la propria leadership contestualmente al miglioramento della redditività nel comparto di sistemi e cavi Sottomarini, grazie alla strategia di ‘insourcing’ delle attività di installazione. Per i sistemi e cavi in alta tensione terrestre, il gruppo si attende un moderato recupero rispetto al 2017, con un progressivo miglioramento dei risultati attesi in Cina grazie al nuovo assetto produttivo.

Nel segmento Oil & Gas, la società ritiene che la domanda di cavi destinati a nuovi progetti Onshore (principalmente in Nord America e Medioriente) sia destinata a rimanere stabile grazie al graduale rafforzamento del prezzo del petrolio, mentre si attende ulteriore debolezza del business Surf, a causa della pressione sui prezzi del mercato Brasiliano. Nel segmento Telecom infine si prevede che la crescita organica del fatturato si mantenga solida nel 2018, sostenuta dalla forte espansione della domanda di cavi ottici in Nord America ed Europa, mentre per il comparto dei cavi in rame per le telecomunicazioni si attende un ulteriore rallentamento dovuto alla minore domanda in Australia.

E’ inoltre prevedibile che, in costanza dei rapporti di cambio ai livelli in essere al momento della redazione del presente documento, l’effetto traslativo derivante dalla conversione nella valuta di consolidamento dei risultati delle consociate generi un impatto negativo sul risultato operativo di Gruppo atteso per il 2018.

“Il 2017 si è chiuso in linea con le aspettative”, spiega Valerio Battista, a.d. del Gruppo Prysmian, “evidenziando una sostanziale stabilità dei ricavi organici con un miglioramento nel quarto trimestre.

In crescita la redditività, con un incremento dell’Ebitda Adjusted a 733 milioni e il significativo miglioramento dei margini nei business a più elevato valore aggiunto Energy Projects e Telecom. Nei cavi sottomarini il robusto order intake per circa un miliardo di euro conferma la leadership tecnologica e di mercato del Gruppo. Importanti i progetti acquisiti, come il cablaggio delle prime offshore wind farm in Francia e l’interconnessione Ifa2 tra Gran Bretagna e Francia”.

“Il miglioramento dei margini nel comparto Energy Projects è stato favorito dall’insourcing di importanti attività di esecuzione dei progetti, grazie ai nuovi mezzi di installazione. Nel Telecom, prosegue il forte trend di domanda di cavi ottici, supportato dallo sviluppo di reti broadband e dall’avvio degli investimenti in preparazione al 5G.

L’insieme delle positive performance realizzate, ha consentito di centrare gli obiettivi comunicati al mercato e di poter proporre ai nostri azionisti un dividendo di 0,43 euro per azione”, ha concluso.

com/lab

Copyright (c) 2018 MF-Dow Jones News Srl


Prysmian: in 2018 prosegue processo razionalizzazione attivita’ è stato pubblicato su Dow Jones News dove ogni giorno puoi trovare notizie di economia e mercati.