B.P.Bari: raccolta netta 2017 a +4,7%, Cet1 al 10,2%

145

B.P.Bari ha chiuso il 2017 con una raccolta totale pari a 14,9 miliardi di euro (+10,2%), con la componente diretta attestata a 10,8 miliardi (+14,7%). L’indiretta si posiziona a 4 miliardi, in linea con quella dell’anno precedente (4,1 miliardi).

Gli impieghi netti a clientela, pari a 8,9 miliardi di euro, spiega una nota, evidenziano una contenuta riduzione (- 3,2%), legata alla decisione di focalizzarsi sui settori economici di prevalente interesse.

Nella parte finale dell’anno è stata perfezionata una ulteriore cartolarizzazione di crediti a sofferenza – la seconda operazione a beneficiare della Gacs – per circa 350 milioni lordi. Anche grazie a questa nuova cessione, l’ammontare delle posizioni deteriorate, lorde e nette, scende per il secondo anno consecutivo. Il Gruppo ha messo in cantiere ulteriori operazioni per il 2018.

I coefficienti patrimoniali consolidati al 31 dicembre 2017 si attestano al 10,2% in riferimento al Cet1 ed al Tier 1 Ratio (il dato era del 9,2% a giugno 2017), e al 12,7% (Total Capital ratio, in crescita dal 12,0% a metà anno). Detti valori risultano superiori ai coefficienti di capitale fissati per il 2016 dal Regolatore ad esito dello Srep 2017 e pari, al 6,7% (Cet1), al 8,6% (Tier 1 Ratio) e all’11,0% (Total Capital ratio). Rimane solida e stabile la posizione di liquidità, con i due indicatori Lcr e Nsfr attestati rispettivamente al 190% ed al 111% (limite regolamentare 100%).

In relazione ai dati reddituali, il margine di intermediazione, pari a 399 milioni di euro, si contrae dell’1,4%, risentendo del basso livello dei tassi di interesse, a fronte di una crescita significativa delle commissioni nette (+ 12,0%). I costi operativi (319,8 milioni) si riducono del 6,3%, per effetto delle ulteriori azioni di razionalizzazione intraprese. Nella parte finale dell’anno è stata perfezionata una ulteriore cartolarizzazione di crediti a sofferenza – la seconda operazione a beneficiare della Gacs – per circa 350 milioni lordi. Anche grazie a questa nuova cessione, l’ammontare delle posizioni deteriorate, lorde e nette, scende per il secondo anno consecutivo. Il Gruppo ha messo in cantiere ulteriori operazioni per il 2018. A seguito della rettifica di avviamenti per 18,5 milioni, il risultato netto consolidato del 2017 è pari a un milione di euro, rispetto ai 5,2 milioni del 2016. Al netto della rettifica il risultato sarebbe stato di 13,4 milioni.

com/lab

Copyright (c) 2018 MF-Dow Jones News Srl


B.P.Bari: raccolta netta 2017 a +4,7%, Cet1 al 10,2% è stato pubblicato su Dow Jones News dove ogni giorno puoi trovare notizie di economia e mercati.