Consob: 1.800 ricorsi 2017 ad Arbitro per 80 mln; 5,2 riconosciuti

98

Nel 2017 sono pervenuti all’Arbitro per le Controversie Finanziarie (Acf) 1.839 ricorsi. Quelli ammessi sono stati 1469, pari a circa l’80% dei ricorsi ricevuti, mentre quelli non ammissibili/non ricevibili sono stati 370, corrispondenti al 20%. Il controvalore complessivo delle richieste formulate dai ricorrenti è di oltre 80 mln di euro (81,1 mln); la media degli importi richiesti è pari a 55.244 euro.

E’ quanto emerge dalla Relazione sull’attività svolta dal nuovo organismo attivo presso la Consob dal 9 gennaio 2017. Già dai primi mesi il numero dei ricorsi ricevuti è risultato superiore alle stime iniziali che individuavano in circa 1.000 il numero dei ricorsi attesi

nel primo anno di operatività; il trend è stato poi progressivamente crescente fino a giugno. La media mensile su base annua è stata pari a 153 ricorsi.

Nella seconda parte dell’anno l’andamento decrescente del flusso

dei ricorsi è stato, quindi, soprattutto effetto della intervenuta revoca, a metà luglio, dell’autorizzazione all’esercizio dell’attività bancaria a suo tempo rilasciata alle due banche venete, che ha fatto venir meno lo status di intermediario autorizzato in capo ad entrambe e che, di conseguenza, ha precluso la possibilità ai risparmiatori-azionisti di continuare a proporre ricorso all’Acf. Oltre il 50% delle dichiarazioni di inammissibilità (186), infatti, sono state adottate a seguito di tale revoca.

Quanto alla distribuzione territoriale prevalgono, per numero, i

ricorsi provenienti da soggetti residenti nell’area del Nord Italia, pari a 1.076, contro i 424 ricorsi ricevuti da soggetti residenti nell’area del Centro Italia e i 330 trasmessi da residenti nel Sud Italia e nelle Isole.

I ricorsi pervenuti nel 2017 sono stati pressoché integralmente

trasmessi da persone fisiche (96,5%): nei restanti casi il ricorso è stato trasmesso da persone giuridiche (3,5%).

Quanto alla rilevanza economica dei ricorsi in funzione del controvalore delle richieste avanzata dagli investitori, a fronte dei 1.469 ricorsi ritenuti ammissibili e ricevibili, l’importo minimo richiesto è risultato pari a 41 euro, quello massimo di 500.000 euro, corrispondente al limite entro cui l’Acf è competente. In 28 casi il petitum non è consistito nella richiesta di somme di denaro a titolo risarcitorio.

Il numero maggiore di ricorsi (340) si colloca nella fascia che va da 10.000 a 30.000 euro; segue quella ricompresa nel range tra 5.000 e 10.000 euro (266 ricorsi). Degno di nota è che la terza fascia (223 ricorsi) sia quella che va dai 100.000 fino alla soglia massima di competenza dell’Acf (500.000 euro). Circa il 50% del monte ricorsi complessivi si situa nelle fasce che

vanno dai 10.000 ai 100.000 euro.

La significativa entità media del controvalore delle richieste

formulate, da un lato, dà il senso della rilevanza economica degli interessi coinvolti nelle controversie sottoposte all’Acf; dall’altro, è un riflesso della particolare congiuntura in cui si è calato l’avvio dell’operatività dell’Acf stesso.

Un’analisi un po’ più dettagliata consente di rilevare che i ricorsi

relativi alla prestazione del servizio di consulenza hanno riguardato

prevalentemente la violazione degli obblighi informativi nella fase di

conclusione del contratto di investimento e di quelli attinenti alla profilatura della clientela, nonché alla valutazione di adeguatezza dell’operazione.

Quanto ai ricorsi relativi al servizio di esecuzione di ordini per conto della clientela, essi hanno avuto ad oggetto prevalentemente – per le ragioni sopra rappresentate – la violazione degli obblighi di correttezza, di trasparenza e di efficiente svolgimento del servizio.

I risarcimenti riconosciuti ammontano in totale a poco meno di 5,2

mln (in media circa 28.000 euro a ricorso). In media sono stati riconosciuti 27.175 euro a ricorso, a fronte di un valore medio delle richieste pari a 53.818 euro, con uno scarto dunque di circa il 50% tra “richiesto” e “riconosciuto”.

gug

guglielmo.valia@mfdowjones.it

Copyright (c) 2018 MF-Dow Jones News Srl


Consob: 1.800 ricorsi 2017 ad Arbitro per 80 mln; 5,2 riconosciuti è stato pubblicato su Dow Jones News dove ogni giorno puoi trovare notizie di economia e mercati.