Fastweb: al via crowdfunding per progetti Fastweb4School

107

Studenti che costruiscono i computer da soli, modellini di Formula1 stampati in 3D, robot artigianali e piccoli FabLab che prendono forma all’interno delle scuole. Sono online sulla piattaforma di crowdfunding “Produzioni dal Basso”, i primi progetti presentati nell’ambito di Fastweb4School, progetto promosso da Fastweb insieme al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca con l’obiettivo di stimolare la realizzazione di progetti digitali nella scuola secondaria e di contribuire alla crescita delle competenze digitali.

Se la scuola raccoglie con il crowdfunding il 50% del budget relativo all’iniziativa presentata, Fastweb metterà a disposizione delle scuole il restante 50%, fino ad un massimo di 10.000 euro per progetto.

I primi dieci progetti che cercano finanziamenti sulla piattaforma sono Formula Arduino, progetto del Liceo Scientifico “F.P. di Calboli” di Forlì per la realizzazione di un team corse con una propria auto da Formula Uno in scala 1:10;Laboratory Management System, progetto del Liceo Scientifico “Peano-Pellico” di Cuneo, volto allo sviluppo di un software gestionale utile per l’organizzazione dei laboratori della scuola; KIT4SCHOOL, progetto dell’Istituto Tecnico “Bosco Lucarelli” di Benevento per la realizzazione di un kit di progetti didattici “chiavi in mano” per esperimenti sul networking e sull’Internet delle cose; i computer li costruiamo noi, progetto dell’Istituto Comprensivo Regina Elena di Roma per la dotazione di computer Open Source per la scuola, in modo tale da avvicinare i ragazzi alla tecnologia per tutti; House of Robots, progetto dell’Istituto Comprensivo “Federico Sacco” di Fossano (CN) per la realizzazione di un atelier creativo per la costruzione e lo sviluppo di robot artigianali; Engineering@school.3D, progetto dell’Istituto Comprensivo “Montone Pietralunga” di Umbertide (Pe) che vuole avviare gli studenti allo studio, all’ ideazione ed alla realizzazione di oggetti tridimensionali;Ab(BRACCIA) il Futuro!, progetto della Scuola Secondaria “Opere Sociali Don Bosco” di Sesto San Giovanni per finanziare l’acquisto di due Robot ABB per il nuovo laboratorio di Industria 4.0;Robotica educativa, progetto dell’Istituto Comprensivo 1 Chieti volto all’acquisizione di lo sviluppo di competenze logico-informatico-tecnologiche attraverso la realizzazione di un laboratorio di robotica educativa; Drone IoT, progetto dell’Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo Scientifico B. Pascal di Roma per l’assemblaggio di un drone quadricottero ed il suo impiego come servo-meccanismo IOT in grado di acquisire temperatura, umidità, presenza di CO2, immagini, video e suoni; Officina scolastica, progetto dell’Istituto Comprensivo di Govone (CN) per ripensare laboratori scolastici come luoghi di innovazione e creatività, dove gli studenti hanno un ruolo attivo e l’apprendimento diventa sociale.

Al termine del primo Bando dedicato al mondo dei Makers, al quale hanno partecipato con entusiasmo e grande capacità progettuale scuole di tutta Italia, sono stati selezionati 38 progetti di istituti scolastici di primo e secondo grado che accedono ora alla fase di crowdfunding. La graduatoria finale del primo avviso pubblico è disponibile nella sezione scuole beneficiarie sulla piattaforma del Miur “Protocolli in Rete”.

Il concorso di idee era aperto agli istituti scolastici secondari di primo e secondo grado e dedicato ai Makers o artigiani digitali per il finanziamento di progetti di tipo ingegneristico, come apparecchiature elettroniche, realizzazioni robotiche, dispositivi per la stampa 3D e macchine a controllo numerico, ma anche oggetti realizzati, grazie all’utilizzo del digitale, attraverso la lavorazione dei metalli, del legno e l’artigianato tradizionale.

I 38 progetti selezionati e ammessi alla fase di crowdfunding sono stati scelti in base alla qualità e originalità dell’idea, al contenuto didattico e di apprendimento di metodologie didattiche innovative e digitali, al numero di soggetti coinvolti, alla possibilità di ricadute su componenti sociali e produttive del territorio, alla possibilità di sviluppo futuro nella stessa o in altre scuole.

I primi dieci progetti sono ora consultabili e sostenibili sul sito Fastweb4School.it che si appoggia alla piattaforma di crowdfunding “Produzioni dal Basso”. A ogni istituto scolastico che raccoglierà con il crowdfunding il 50% del budget relativo all’iniziativa presentata, Fastweb erogherà il restante 50%, fino ad un massimo di 10.000 euro per progetto. Il finanziamento è a fondo perduto e la proprietà della realizzazione dell’idea rimarrà alla istituzione scolastica che l’ha proposta.

com/fch

Copyright (c) 2018 MF-Dow Jones News Srl


Fastweb: al via crowdfunding per progetti Fastweb4School è stato pubblicato su Dow Jones News dove ogni giorno puoi trovare notizie di economia e mercati.