Pir: F. Carpano (presidenza Cdm), i Pir non vanno modificati

103

“I Pir andavano fatti vent’anni fa, li abbiamo fatti oggi, meglio tardi che mai. Credo che i vincoli, così come sono stati concepiti dalla legge” 11 dicembre 2016 232 “non vadano cambiati e vadano mantenuti tali a tutela del risparmiatore comune”.

Lo ha detto Francesco Filippo Carpano, Ufficio presidenza consiglio dei ministri, intervenendo, a titolo personale, al convegno “Ir Top: credito d’imposta sui costi di Ipo e processo di quotazione su Aim”.

Il riferimento di Carpano è al dibattito che si è sviluppato di recente intorno al modo in cui potrebbero essere ripensati questi strumenti per ottenere un miglior rendimento a fronte però dell’assunzione di un rischio superiore.

Le regole relative alla composizione del portafoglio prevedono che almeno il 21% del valore complessivo degli investimenti dei Pir sia investito in strumenti finanziari emessi da società italiane ed estere con stabile organizzazione in Italia diverse da quelle rilevanti ai fini del Ftse Mib o di altri indici equivalenti.

Come scrive Anna Lambiase, a.d. E fondatore di Ir Top, nella terza edizione del libro “La quotazione delle Pmi su Aim italia e gli investitori istituzionali nel capitale” sul mercato Aim Italia nei primi 5 mesi del 2017, dopo l’introduzione dei Pir, il 76% delle società ha registrato una performance positiva pari in media a +63%.

cce

Copyright (c) 2018 MF-Dow Jones News Srl


Pir: F. Carpano (presidenza Cdm), i Pir non vanno modificati è stato pubblicato su Dow Jones News dove ogni giorno puoi trovare notizie di economia e mercati.