Brexit, Moavero: i diritti acquisiti saranno garantiti a tutti

4

In vista della Brexit il governo sta preparando decreti legge, in materia di tutela dei cittadini e della stabilità finanziaria e della continuità operativa dei mercati e del settore bancario e finanziario. In una audizione alla Camera il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi annuncia che da parte italiana si lavora a misure immediate per fronteggiare qualsiasi scenario e che «le condizioni di necessità e urgenza sono pienamente giustificate». Infatti «una eventuale uscita senza accordo trasforma il Regno Unito in un Paese terzo, con cui non abbiamo nessun tipo di accordo particolare». L’impegno «politico e operativo» è «assolutamente chiaro, si cerca di mantenere nel limite possibile lo status quo delle persone.

Al momento l’ipotesi di un secondo referendum sulla Brexit in Gran Bretagna è «residuale» secondo Moavero Milanesi nonostante non sia in assoluto da scartare, così come non si possono neppure escludere nuove elezioni politiche. «C’è una situazione di vera e propria suspense» come in un «film di Hitchcock, ma certamente meno truculento», sintetizza il titolare della Farnesina. Oggi Downing Street metterà ai voti mozione in cui si chiede alla Camera dei Comuni
di scegliere tra il via libera a un accordo sulla Brexit entro mercoledì prossimo, seguito dalla richiesta all’Ue di un rinvio tecnico limitato al 30 giugno per l’approvazione della legislazione connessa, e un rinvio a più lungo termine.

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer