Famiglia, Salvini non cede. «Andrò a a Verona»

1

«Ognuno fa quello che vuole, io ci vado». A due settimane dal World Congress of Families di Verona rischia seriamente di spostarsi su quel terreno il confronto interno al governo che ha già attraversato notevoli tensioni sul dossier Tav appena qualche giorno fa. Matteo Salvini conferma dal suo giro elettorale in Basilicata («domenica 24 marzo si cambia anche qui») che prenderà parte all’evento pur «con tutto il rispetto per le scelte di vita di ciascuno». Per il Carroccio un’occasione di calcare la mano sui valori tradizionali da sempre centrali nell’anima leghista.

Gli organizzatori ieri davano per assodato la presenza del vicepremier Matteo Salvini nella seconda giornata di lavori, sabato 30 marzo, e che nel panel trovano spazio anche i nomi del ministro dell’Istruzione Marco Bussetti e quello della leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni. Una spina nel fianco della maggioranza gialloverde dal momento che dal lato dei Cinque Stelle si sparano colpi pesanti contro l’iniziativa.

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer