Migranti, quei 410mila irregolari “scomparsi” dagli annunci di Salvini

2

I migranti irregolari presenti in Italia, dal 2015 ad oggi, sono «un numero molto più basso rispetto a quanto qualcuno va narrando in questi giorni». Sembra un affondo polemico alla linea dura sull’immigrazione sponsorizzata Matteo Salvini. Se non fosse che, a parlare, è proprio Salvini: il vicepremier ha smentito i suoi alleati di governo sul totale di migranti irregolari stimati nel nostro paese, abbassando il totale dai 500-600mila indicati dai Cinque stelle ad appena 90mila unità. L’equivalente di uno scarto di 410mila unità fra due stime interne allo stesso esecutivo, anche se il gap può rivelarsi imbarazzante soprattutto per lo stesso Salvini. Il dato contestato dal leader del Carroccio è, infatti, scritto nero su bianco nel contratto di governo cofirmato da Lega e Cinque stelle: «Ad oggi - si legge alla pagina 27 del «Contratto per il governo del cambiamento» – sarebbero circa 500mila i migranti irregolari presenti sul nostro territorio e, pertanto, una seria ed efficace politica dei rimpatri risulta indifferibile e prioritaria».

Il balletto delle cifre e i numeri reali sugli irregolari
L’improvviso ridimensionamento di cifre di Salvini arriva in risposta alle polemiche dei suoi alleati sull’efficienza delle politiche di rimpatrio del governo. Ai vari dissapori fra i due partner di governo si è sommata, di recente, una stoccata di Luigi Di Maio sul fatto che i «rimpatri» promessi in campagna elettorale «sono al palo», permettendo a 600mila irregolari di vivere nel nostro paese. Salvini ha risposto con irritazione, sottolineando che i 478mila migranti sbarcati dal 2015 a oggi sarebbero suddivisi tra 268mila persone che hanno abbandonato l’Italia, 119mila in accoglienza nel nostro paese e, appunto, altri 90mila scomparsi dai radar. Fin qui lo scontro politico fra Di Maio e Salvini, con il secondo in direzione opposta a quanto scritto sul suo stesso programma. Ma quanti sono, davvero, gli stranieri irregolari in Italia? Un’indagine realizzata dall’Istituto per gli studi di politica internazionale (Ispi) sembra dare ragione alle stime indicate dai Cinque stelle. Oggi gli stranieri irregolari, a quanto scrive via Twitter il ricercatore Matteo Villa, sarebbero 590mila, in rialzo dai 530mila del 2017. Con questo ritmo, prosegue Villa, si potrebbe sfondare il tetto delle 700mila unità entro il 2020. La beffa è che l’incremento dei numeri è sostenuto, sia pure parzialmente, da una misura dello stesso governo.

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi la fonte


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer